La proposta della Lega: multare chi non rispetta regole di carico su ponte Colorno-Casalmaggiore

I consiglieri Fabio Rainieri e Emiliano Occhi chiedono garanzie per una corretta viabilità e domandano se la Provincia di Parma sta facendo tutto quello che deve per garantirla

Sanzionare chi utilizza il ponte tra Colorno e Casalmaggiore, nel parmense, ignorando i limiti di carico previsti dalle norme vigenti. A chiederlo, in un’interrogazione, sono i consiglieri della Lega Fabio Rainieri (primo firmatario) e Emiliano Occhi, che ricordano come  “sul ponte che attraversa il Po tra Colorno e Casalmaggiore, il sistema di rilevazione e monitoraggio in grado di monitorare la stabilità e lo 'stato di salute' del manufatto, sarà prevedibilmente operativo il prossimo mese di ottobre 2020 e sarà in grado di rilevare la massa, la velocità e la targa dei veicoli transitanti ma non consentirà alcuna attività sanzionatoria diretta, da parte dell’ente gestore, rispetto a limiti di transito stabiliti per lo stesso ponte di 44 tonnellate di carico e di 50 km/h di velocità”.

Gli esponenti del Carroccio sottolineano come “il rispetto dei limiti di carico e di velocità è condizione essenziale per garantire la conservazione e la durata dell’infrastruttura: per permettere l’attività sanzionatoria rispetto ai trasgressori dei limiti di transito, senza la presenza fisica di operatori competenti, la Provincia di Parma, quale ente gestore dell’infrastruttura, dovrebbe coinvolgere le forze dell’ordine facendone specifica richiesta alla Prefettura competente”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Da qui l’atto ispettivo per sapere se l’esecutivo regionale “ritenga essenziale, per garantire la conservazione e la durata del ponte tra Colorno e Casalmaggiore, assicurare al più presto l’operatività dell’attività sanzionatoria rispetto alle violazioni dei limiti di carico e di velocità stabiliti per il transito su di esso e se l’amministrazione provinciale di Parma abbia avviato l’iter per consentire l’attività sanzionatoria e, nell’eventualità non lo avesse ancora fatto, per quali motivi non si sia ancora attivata e quando intenda farlo”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Devasta la stazione rischiando di far deragliare un treno: arrestato 21enne tunisino

  • Coronavirus, a Parma aumentano i casi: nove con un asintomatico

  • Incendio a San Prospero, vigili del fuoco a lavoro

  • Ribaltone Genoa: c'è Faggiano al posto di Marroccu

  • Nuovo Dpcm: mascherine e distanziamento sociale fino al 7 settembre

  • "L'aeroporto Cargo a Parma? Un disastro ambientale annunciato"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento