la stazione degradata di mezzano rondani

Come una stazione fantasma, ma frequentata da viaggiatori.

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di ParmaToday

Gli esponenti di Fratelli d’Italia - Alleanza nazionale di Colorno, hanno effettuato un sopralluogo presso la stazione di Mezzano Rondani per rilevare quanto è stato segnalato da cittadini che la utilizzano quotidianamente. La fermata risulta infatti di difficile accessibilità , non essendovi posta alcuna segnaletica e la strada per arrivarci è piena di buche . Presso la stazione è presente una rigogliosa e trascurata vegetazione oltre a spazzatura di vario genere, strutture pericolanti e una voragine non segnalata e rischiosa per la pubblica incolumità. Non manca anche un capanno abbandonato con vetri rotti e con discarica di materiale di vario tipo. L’illuminazione è scarsa e il passaggio d’accesso alla pensilina del treno viene effettuato scavalcando l’unico binario presente. Alcuni cittadini ed utenti del servizio ci hanno manifestato tutto il loro disappunto per una struttura così trascurata e pericolosa, ricordando che alcuni viaggiatori sono inciampati e di aver dovuto ricorrere alle cure mediche. La sera il piazzale della stazione è spesso utilizzato dalle prostitute. Dopo aver già più volte segnalato a Trenord e al comune di Colorno l’abbandono in cui riversa l’area ex scarico merci della stazione del paese, per il quale ancora si attende intervento risolutivo per mettere in sicurezza l’area, siamo a chiedere con decisione che si provveda ad eliminare la situazione di degrado e di pericolo in cui versano le due fermate dei treni segnalate auspicando che che tutti gli enti preposti facciano il loro dovere. Nel caso perdurasse la situazione denunciata , sarà promossa da Fdi-AN azione di vibrata ma civile protesta di utenti e cittadini. Nicola Scillitani Coordinatore comunale di Colorno Fratelli d’Italia - Alleanza Nazionale

I più letti
Torna su
ParmaToday è in caricamento