Laboratorio politico permanente per l’alternativa

Venerdì 4 novembre 2011, alle ore 20.45, presso la sala della Corale Verdi in Vicolo Asdente - Parma, si terrà l’Assemblea pubblica per la costituzione del Laboratorio politico permanente per l'alternativa

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di ParmaToday

Venerdì 4 novembre 2011, alle ore 20.45, presso la sala della Corale Verdi in Vicolo Asdente - Parma, si terrà l’Assemblea pubblica per la costituzione del Laboratorio politico permanente per l'alternativa.

Molti cittadini in questi anni si sono impegnati singolarmente, nei comitati o nelle associazioni per la difesa dei diritti e dei beni comuni, molti negli scorsi mesi sono scesi in piazza e hanno deciso di voler capire meglio che cosa sia successo in città e che cosa potrebbe succedere; sempre più persone credono sia arrivato il momento di fermare la folle se non criminale macchina del neoliberismo e cominciare a costruire l'alternativa dal basso, a partire dalla nostra città.

Il Laboratorio vuole essere per tutti loro l'occasione, dopo le mobilitazioni dei Portici del Grano, per confrontarsi, mettere a disposizione le proprie competenze, analizzare la situazione, organizzare nuove ed incisive azioni di protesta, ragionare insieme sul presente e sul futuro di Parma nel contesto più ampio della situazione nazionale ed
internazionale, elaborare proposte e prospettare scelte politiche veramente alternative, anche in vista delle prossime elezioni amministrative".

Nel corso dell’assemblea, che verrà invitata a definire le questioni irrinunciabili sulle quali lavorare (a partire da bilancio e gestione, ambiente, territorio, servizi alla persona, servizi educativi, cultura, sicurezza, lavoro…), verrà posto l’accento in particolare sulla questione del debito e su quella dell’Ospedale Vecchio, ritenute in questo momento prioritarie ed in qualche modo rappresentative ed inclusive rispetto a tutte le altre.
 

I più letti
Torna su
ParmaToday è in caricamento