menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Lapide per il foreign fighters Giuliano Ibrahim Delnevo, Rainieri: "Verrà rimossa"

Il vicepresidente dell'Assemblea Legislativa della Regione commenta la notizia della lapide posta nei dintorni di Borgotaro per ricordare il foreign fighters fondamentalista islamico Ibrahim

“Un fatto gravissimo che offende la civiltà occidentale e le tantissime vittime innocenti del terrore fondamentalista islamico”. Sono le parole di Fabio Rainieri, vicepresidente dell’Assemblea legislativa dell’Emilia-Romagna ed esponente della Lega, rispetto alla notizia della lapide posta nei dintorni di Borgotaro per ricordare il foreign fighters fondamentalista islamico Ibrahim Giuliano Delnevo. 

“Quando i militanti della sezione Alta Valtaro della Lega mi hanno informato di questa lapide ho sinceramente provato orrore non solo per come si possa arrivare a commemorare una persona che è andata a fiancheggiare orde di terroristi che spargono sangue in tutto il mondo ma anche perché lo si è consentito. Se è vero, come si sente dire, che l’amministrazione comunale borgotarese l’abbia autorizzato, spero si sia trattato di una pur molto grave superficialità perché non sarebbe stato verificato quale messaggio si voleva esporre. Se invece ve ne fosse stata piena consapevolezza, il grave reato dell’apologia del terrorismo potrebbe essere stato commesso, oltre che dal padre, anche da chi fisicamente ha dato l’autorizzazione. Anche perché pare che vi sia un pellegrinaggio di musulmani sul posto che fa presumere non abbiano pensieri di civile convivenza. Ringrazio comunque fin da ora i carabinieri di Borgotaro che hanno tranquillizzato le persone che vi si sono rivolte assicurando che questa indegna e pericolosa lapide sarà al più presto rimossa”

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Viaggi in Europa: ecco cos'è il passaporto Covid

Attualità

Covid: a Parma quasi 45 mila vaccinazioni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento