menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"Gravi irregolarità nella selezione dei medici del 118"

Giulia Gibertoni ha presentato una interrogazione alla Giunta denunciando la violazione delle normativa nazionale e regionale sulla scelta del personale sanitario che opera sulle ambulanze. “La maggior parte di loro non ha l’abilitazione necessaria. La Regione intervenga”.

“A Parma l’Ausl recluta il personale medico che sale sulle ambulanze del 118 in barba alla normativa nazionale, affidandosi ad onlus o stipulando degli incarichi libero professionali. Una grave violazione che mette in pericolo la sicurezza dei cittadini ed espone la stessa Azienda sanitaria a costosi contenziosi”. È questa la denuncia di Giulia Gibertoni contenuta in una interrogazione presentata alla Giunta sul caso del reclutamento messo in atto dall’Azienda sanitaria di Parma del personale medico delle ambulanze del 118. “Un decreto del 2000 ha istituito uno corso di idoneità e una specifica graduatoria per i medici impegnati nel soccorso sanitario extra-ospedaliero – spiega Giulia Gibertoni – Una direttiva confermata anche dalla Conferenza Stato-Regioni nonché da diverse delibere della nostra Regione che puntualizzano proprio la necessità dell’attestato di idoneità all’emergenza territoriale per i medici che hanno il compito di salute sulle ambulanze del 118. A quanto ci risulta, invece, l’Ausl di Parma pare abbia disposto una forma di reclutamento che non risponde minimamente a questi requisiti normativi. La maggioranza del personale medico che opera sui mezzi di soccorso, infatti, è arruolato attraverso associazioni onlus e con incarichi libero professionali privi di ogni tutela prevista dalla Contrattazione di settore (CCNL o ACN) e quindi al di fuori dei parametri previsti dalla normativa vigente. Una violazione evidente che la Regione e l’assessorato alla Sanità non possono e non devono continuare a ignorare tanto più che buona parte del personale medico pare non abbia nemmeno l’attestato di idoneità all’emergenza sanitaria territoriale”. Per questo nella sua interrogazione Giulia Gibertoni chiede alla Giunta di avviare tutti gli accertamenti del caso per verificare questa violazione e quindi di imporre all’Ausl di Parma il rispetto delle regole. “Se questa situazione di irregolarità dovesse perdurare ancora per molto crediamo che ci possa essere un ulteriore pericolo – conclude Giulia Gibertoni – ovvero quello di esporre il servizio sanitario regionale a una serie infinita di contenziosi da parte dei medici regolarmente iscritti alle graduatorie di settore che vedono il loro posto di lavoro occupato da medici privi dei titoli richiesti dal sistema di selezione pubblica. Un rischio che non ci possiamo assolutamente permettere”.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Fidenza Village: aperta una cantina con cucina Signorvino

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Ritrovato il corpo di Andrea Diobelli

  • Cronaca

    Montagna stregata: altra vittima sul Marmagna

  • Cronaca

    Coronavirus, a Parma 157 casi 5 decessi

  • Cronaca

    Bonaccini: "Se i contagi aumentano, pronti a chiudere le scuole"

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento