rotate-mobile
Venerdì, 19 Aprile 2024
Politica

Michele Guerra è il nuovo sindaco di Parma

Vittoria schiacciante del candidato del centrosinistra che ha battuto Pietro Vignali con il 66.19% dei voti contro il 33.81% dello sfidante 

Michele Guerra è il nuovo sindaco di Parma. L'ex assessore alla cultura della giunta Pizzarotti ha battuto lo sfidante Pietro Vignali, già distaccato di oltre 20 punti al primo turno. Ha ottenuto infatti il 66.19% dei voti contro il 33.81% dello sfidante. 

Il docente universitario 40enne è riuscito a tenere insieme le varie anime della coalizione di centrosinistra ed ha trionfato battendo il candidato del centrodestra anche al secondo turno. Michele Guerra è da sempre stato il favorito di questa competizione elettorale. Il suo modo, calmo e tranqullo, di parlare con i cittadini di Parma è risultato vincente. Già al primo turno aveva più che doppiato, come numero di voti, l'ex sindaco Vignali. Oggi, nonostante il sostegno di Fratelli d'Italia, il centrodestra non è riuscito nell'impresa. 

Michele Guerra (1982) è Professore ordinario di Cinema, Fotografia e Televisione all'Università di Parma, dove coordina l'Unità di Arte, Musica e Spettacolo. Dal 2017 è Assessore alla Cultura del Comune di Parma, ha guidato il progetto di Parma Capitale Italiana della Cultura 2020+21 ed è Presidente del GAER (Giovani Artisti dell'Emilia-Romagna). Tra i suoi ultimi libri, "The Empathic Screen. Cinema and Neuroscience" (Oxford University Press, 2019), "Il limite dello sguardo. Oltre i confini delle immagini" (Raffaello Cortina, 2020), "Culture del film. La critica cinematografica e la società italiana" (Il Mulino, 2020). Fa parte dei comitati direttivi e scientifici di diverse riviste accademiche e collabora con la Domenica del Sole 24 Ore.

Nato a Parma nel 1982, dopo la maturità classica si laurea con lode in Lettere Moderne all'Università di Parma nel 2004, dove poi consegue un dottorato in Storia dell'arte e dello spettacolo discutendo una tesi sulla rappresentazione delle classi rurali nel cinema italiano dal fascismo agli anni Settanta (Premio Giuseppe Medici 2009 dell'Istituto Nazionale di Sociologia Rurale - INSOR). Nel 2011 ha ottenuto una fellowship presso il Center for Advanced Study in the Behavioral Sciences (CASBS) alla Stanford University, sul progetto "Cognitive Science and Neuroscience for the Humanities” e tra il 2011 e il 2013 è stato membro del gruppo di ricerca sull'événement diretto da Dominique Budor presso l'Université Sorbonne Nouvelle - Paris 3. Negli a.a. 2009/2010 e 2010/2011 è stato professore a contratto di Storia e critica del cinema nel corso di Scienze della comunicazione scritta e ipertestuale all'Università di Parma. Dal 2011 al 2015 è stato ricercatore di Cinema, Fotografia e Televisione (L-ART/06) all'Università di Parma. Dal 2015 al 2018 professore associato e dal 2018 ordinario presso la stessa Università. Autore di oltre cento pubblicazioni tra articoli, saggi e volumi, ha vinto nel 2016 il Premio Limina per il Miglior libro italiano di studi sul cinema con "Lo schermo empatico. Cinema e neuroscienze", scritto insieme a Vittorio Gallese (Raffaello Cortina). Fa parte del comitato direttivo di "Fata Morgana”, del comitato scientifico di "Cinergie", "La Valle dell'Eden" e "Arabeschi. Rivista internazionale di studi su letteratura e visualità”, e dirige la collana di studi cinematografici “Pandora” (Diabasis). Per il periodo 2015-2019 è Principal Investigator di un progetto SIR finanziato dal MIUR sulla critica cinematografica in Italia tra anni Quaranta e Cinquanta. Dal 2019 è Principal Investigator del Progetto PRIN "A Priovate History of Italian Film Criticism". E’ stato Presidente del CdS in Comunicazione e Media Contemporanei per le Industrie Creative e Vice-direttore del Dipartimento DUSIC, cariche da cui si è dimesso nel 2017 in seguito alla nomina ad Assessore alla Cultura del Comune di Parma.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Michele Guerra è il nuovo sindaco di Parma

ParmaToday è in caricamento