menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Il Ministro Orlando a Parma: "Con Scarpa faremo di tutto per riprenderci la città"

"Pizzarotti? Lo preferiamo a Grillo ma non è il nostro candidato"

Il Ministro della Giustizia Andrea Orlando e candidato Segretario del Partito Democratico alle Primarie del 30 aprile ha visitato oggi, lunedì 24 aprile, a Parma. Orlando è arrivato in piazza Garibaldi, ha salutato i deputati del Pd Patrizia Maestri e Giuseppe Romanini e la consigliere regionale del Pd Barbara Lori. 

Ricostruire le relazioni con le forze sociali, oltre che con quelle politiche. E' questa la ricetta di Andrea Orlando, candidato alla segreteria del Pd. "Qual'è il profilo che un candidato vincente deve avere? Sicuramente alternativo alla destra su un tema fondamentale come l'Europa. Chi segue la destra sull'euroscetticismo perde. La vicenda dei socialisti francesi è anche la conseguenza di quattro anni di Governo, quindi credo che non si possa generalizzare. Come hanno dimostrato sia la Francia che l'Olanda, se si seguono i populisti sul loro terreno si perde. Se li si sfida e si dice con chiarezza 'Europa' si è in grado di battere la destra, anche se si parla di uguaglianza. Il Pd deve sia avere una vocazione maggioritaria che cercare alleanze per arrivare al 40% La vocazione maggioritaria è necessaria per fare una coalizione che sia in grado di vincere. Mi auguro che la legge elettorale che uscirà dal confronto politico non sia questa perchè il peggiore scenario possibile. In ogni caso la vocazione maggioritaria dovrà essere sorretta da una legge elettorale. Il partito sarà l'insiene di anime diverse e non basta un capo solo per fare tutto questo, c'è bisogno di un progetto politico e attorno a questo progetto politico un sistema di allenze. In Italia praticamente abbiamo litigato con tutti; o ricostruiamo delle relazioni amichevoli con pezzi di società o anche costruire delle alleanze politiche sarà difficile" 

"Credo che si debba costruire un Pd radicalemente diverso da questo se non vogliamo perdere le elezioni. Oggi il Pd è isolato e penso che se non si rompe questo isolamento politico le prossime elezioni sono a fortissimo rischio. Non abbiamo di fronte solo il tema di un cambio di Governo ma il tema di un destino altro per la democrazia italiana: se vincono le destre la democrazia andrà in contro ad una forte involuzione

Parma, Scarpa e Pizzarotti. Il Ministro concentra l'attenzione anche sulle Comunali di giugno. "Il Pd a Parma può tornare a vincere? Credo di si, faremo di tutto per vincere. Penso che abbiamo la forza di una tradizione di buon Governo che in Emilia-Romagna ha fatto tante cose. Penso che anche qui a Parma si possa lavorare per un centro sinistra civico che tenga conto delle forze politiche ma sappia anche suscitare la passione, la forza e l'impegno di tanto volontariato, di tante associazioni e di tanti soggetti sociali. Pizzarotti non è certo il nostro candidato: certo tra lui e Grillo preferiamo lui ma il candidato del centro sinista è Paolo Scarpa". 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Crolla il controsoffitto: Duc allagato

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento