"Nasce il Governo delle poltrone. Non è quello che serve all'Italia e all'Emilia Romagna"

La nota di Francesca Gambarini

 "La paura fa novanta. A tutti i livelli Pd e 5 Stelle temono di perdere poltrone. Il primo risultato è il nuovo mostruoso Governo che si profila all'orizzonte. Un Governo che ha messo la spartizione delle poltrone al primo posto e che sarà di estrema sinistra". Lo scrive in una nota Francesca Gambarini, componente del comitato nazionale di Cambiamo!, il movimento di Giovanni Toti. "Prepariamoci a aumento delle tasse, redistribuzione ossessiva di una ricchezza che però non si produce con un ulteriore impoverimento del ceto medio, immigrazione incontrollata e attacco alla famiglia e ai suoi valori - prosegue - . Quel che è peggio è avere sentito già Zingaretti parlare di alleanze anche per le Regionali. La paura di perdere anche in Emilia Romagna è tale che il Pd cerva alleanze anche con chi disprezzava fino a pochi giorni fa... Giocare sulla pelle degli emiliano romagnoli è vergognoso!! Alle luce di queste dichiarazioni è ancora più necessario costruire un centrodestra nuovo e concreto, non più legato agli schemi del passato. Non possiamo permettere che la mostruosa alleanza PD 5Stelle distrugga la Regione e porti avanti quel sistema rosso di controllo minuzioso del territorio e delle realtà associative in cui fra i tanti è nato a Bibbiano lo scandalo degli affidi illeciti. Peraltro a breve apriremo il dossier sanità e ne vedremo delle belle!".

 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragico schianto a Varano dè Melegari, esce di strada con l'auto: muore 33enne

  • Venditti: "Ci hanno tolto la luce, abbiamo interrotto il concerto: imbarazzante"

  • Artigiano 35enne di Busseto stroncato da un malore in vacanza

  • "Quel medico ha cercato di infilarmi le mani sotto gli slip: ho rischiato di ferirmi con l'ago"

  • Sorbolo, pauroso frontale tra due auto in via Mantova: tre feriti gravi

  • Donna di 42 anni investita da un'auto in viale Mentana: gravissima al Maggiore

Torna su
ParmaToday è in caricamento