menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Noleggio auto, conflitto di interessi in Provincia: Villani va in Procura

Il capogruppo regionale del Pdl denuncia come l'appalto provinciale sia stato dato alla Car Server Spa, società di cui è stata presidente e collaboratrice Genoveffa Sandei, dal 2005 Capo di gabinetto di Bernazzoli

Il capogruppo del Pdl in Regione e coordinatore provinciale di Parma, Luigi Villani, punta il dito sul noleggio auto della Provincia ducale guidata dal centrosinistra e annuncia per i prossimi giorni un esposto in Procura. Sotto accusa "la signora Genoveffa Sandei, dall'agosto 2005 Capo di gabinetto del presidente Bernazzoli" e "un contratto d'appalto per il servizio di noleggio a lungo termine di autoveicoli senza conducente e servizi accessori per la Provincia di Parma con una società di cui la signora Sandei è stata presidente nonché collaboratrice", Car Server Spa.

Elencando date e somme, Villani rileva tra l'altro che nell'ottobre del 2008, "la società in questione si aggiudicava un appalto per il 'servizio di noleggio a lungo termine di autoveicoli senza conducente e servizi accessori per la Provincia di Parma' dell'importo di euro 1.628.496,00 (Iva esclusa), a fronte della cessione da parte della Provincia di Parma alla stessa Car Server di 75 veicoli al prezzo di euro 255.000 ovvero, mediamente, euro 3.400 per veicolo".

"L'appalto - prosegue Villani - si è rivelato del tutto inadeguato alle esigenze dell'Amministrazione provinciale, come dimostra la circolare del 13/10/2009 a firma del direttore generale della Provincia di Parma, Enzo Cerbino, che segnalava le seguenti criticità: a) mancato o scarso utilizzo delle auto assegnate con grave danno per l'Ente; b) consumo di benzina eccessivo rispetto ad auto con alimentazione a metano; c) esagerato chilometraggio per alcune auto relativamente ad altre dello stesso servizio; d) assegnazione di auto solo a benzina per percorrenze oltre la media". "Attenderò le valutazioni della magistratura - commenta Villani -. Sotto il profilo politico, però, posso già dire che trovo sconcertante il conflitto d'interessi in capo alla Sandei che il presidente Bernazzoli e l'Amministrazione provinciale hanno non solo avallato ma addirittura incentivato".

LA RISPOSTA DEL CAPOGRUPPO PD ALLA PROVINCIA PIETRO BAGA
"L’iniziativa del coordinatore provinciale PDL Luigi Villani sul presunto conflitto d’interessi di Genni Sandei, riportata dalla stampa, denota la necessità per la maggioranza consiliare di Parma di cercare di compensare politicamente la rilevante caduta d’immagine dell’amministrazione comunale dopo le note vicende politico-finanziarie relative alla situazione di bilancio del Comune e soprattutto delle Società Controllate dal Comune stesso. E’ quanto mai evidente che l’obiettivo di Villani è quello di cercare di gettare dubbi, anche se non supportati da fatti reali, per tentare di far passare l’idea che anche la Provincia potrebbe avere problemi.

Quindi sostanzialmente una proposta politica basata sul “buttare fango”, a fronte poi della totale mancanza di proposte vere e significative sul piano dell’amministrazione provinciale.
Questo la dice lunga sulla consistenza della proposta politica del PDLe sulla qualità della classe dirigente del centrodestra parmense.
Viene poi spontanea una domanda:  in base a quanto riportato dalla stampa l’iniziativa giudiziaria sembra gestita in assoluta solitudine da Villani. Questo cosa significa?
Il gruppo consiliare in provincia del PDL ha delegato a Villani il proprio ruolo politico oppure il coordinatore PDL ha di fatto commissariato lo stesso gruppo consiliare ritenendolo inadeguato a svolgere il proprio ruolo di opposizione?"

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Ponte Verdi sul Po: chiusura totale domenica 28 febbraio

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento