menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"Parma-Brescia tra le peggiori d'Italia: la Regione non ignori le proteste dei pendolari"

Giulia Gibertoni ha presentato un’interrogazione sulla tratta ferroviaria che collega il centro emiliano con quello lombardo. “Treni vecchi di 30 anni e tempi di percorrenza più alti anche di 20 minuti rispetto a quanto succedeva nel 2009”.

“La Parma-Brescia è una delle peggiori tratte ferroviarie d’Italia, con treni vecchi di 30 anni e tempi di percorrenza che rispetto a dieci anni fa sono addirittura superiori di 20 minuti. Ma nonostante queste evidenze, e le continue proteste dei pendolari, la Regione sembra completamente disinteressarsene”. È la denuncia di Giulia Gibertoni contenuta all’interno di un’interrogazione presentata alla giunta regionale riguardo alla situazione della linea ferroviaria che collega Parma a Brescia, al centro ormai da troppo tempo di continue lamentele da parte dei pendolari che denunciano ritardi, disservizi e continue cancellazioni delle corse. “La linea è palesemente sottoutilizzata e versa da diversi anni in una situazione di completo abbandono – spiega Giulia Gibertoni - Il materiale rotabile ha un’età media superiore ai 30 anni e rispetto al 2009 il treno più veloce impiega 20 minuti in più per percorrere l’intera tratta. Questa già pessima situazione, che la Regione non ha mai risolto, si è ulteriormente aggravata nel settembre del 2017 con la chiusura del ponte sul Po. Chiusura che, nonostante lo sblocco delle vertenze legali che per molto tempo hanno fermato i lavori, potrebbe prolungarsi di almeno altri sei mesi”. Ecco perché nella sua interrogazione Giulia Gibertoni chiede alla Regione quale sia l’impegno per cercare di migliorare le condizioni di trasporto dei pendolari. “Se si tiene conto che anche sulla Parma-Suzzara i disservizi sono ormai all’ordine del giorno tra mezzi sostitutivi, stazioni degradate e inaccessibili, le condizioni di viaggio a cui sono obbligati i pendolari che si muovono nel parmense è davvero inaccettabile. La Regione – conclude Giulia Gibertoni – dica cosa ha in mente di fare per migliorare questa situazione, soprattutto dando tempi certi anche in relazione alla riapertura del ponte sul Po”.


 

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Parma usa la nostra Partner App gratuita !

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Festa di Liberazione: ecco il programma del 25 aprile a Parma

Attualità

Vaccino Moderna: Sda consegna oggi altre 21.600 dosi

Attualità

Cgil: assemblea per far ottenere i rimborsi ai rider

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Approvato il decreto: coprifuoco alle 22 fino al 1 giugno

  • Sport

    L'ennesima rimonta avvicina il Parma alla Serie B

  • Cronaca

    Covid: 67 nuovi casi e 3 morti

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento