parmabia? no, grazie

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di ParmaToday

"A volte ci si chiede cosa stia restando di parmigiano a Parma, forse le chiese? Forse neanche quelle, perchè molto presto saranno la minoranza visto il proliferare anche nella nostra città di centri di preghiera per mussulmani (in alcune zone d'Italia utilizzati per l'organizzazione di attentanti in nome di Allah). In pratica quello che accade da almeno 20 anni in Francia, Belgio, Inghilterra ecc... Oggi interi quartieri di Parma (Pablo,Cinghio,San Leonardo) sono nelle mani di stranieri poco raccomandabili e dediti alla delinquenza, che li dominano incontrastati. E noi finiremo col chiamarci “Fratelli”, aboliremo la carne di maiale dai nostri menù, elimineremo il crocifisso dalle scuole (è già successo in più istituti scolastici italiani), le nostre donne usciranno tutte fasciate come delle mummie egiziane, pregheremo sdraiati per terra rivolti non si sa dove? L' audace Oriana Fallaci, definì l'Europa con l'appellativo di "Eurabia", noi possiamo già chiamare la nostra Parma "Parmabia"? Speriamo di no perchè noi non volgiamo islamizzare l'Italia e le nostre città. Purtroppo con la benedizione di tante amministrazioni e di sindaci (la maggior parte di sinistra o comunque odiatori seriali delle destre) che si accingono ad imporre in modo anche poco velato tradizioni che non ci appartengono a discapito della valorizzazione della nostra storia e tradizione, che non è di loro gradimento. Siamo ancora in tempo a riprenderci la nostra identità, la nostra città? Certamente che lo siamo, utilizzando l'unico strumento che abbiamo (forse per poco) e cioè, il voto (che, se usato male, può ritorcersi contro noi stessi). Possiamo solo auspicare che arrivi qualcuno che davvero abbia a cuore la nostra città, con i suoi valori cristiani e le sue tradizioni perchè non è una questione di razzismo, qui si tratta di salvare un capitale enorme che abbiamo il dovere e il diritto di poter tramandare ai nostri figli e alle generazioni future!" Pietro Andronaco Associazione culturale Forza Civica Parma

Torna su
ParmaToday è in caricamento