rotate-mobile
Politica

Peste suina africana, la Lega: "Azioni più incisive per il depopolamento dei cinghiali"

Fabio Rainieri: " Ci sono aziende di produzione di carni suine già in crisi a causa dei blocchi dell’export"

“Azioni più incisive per il depopolamento dei cinghiali e più cautela sulla comunicazione della peste suina africana”. Sono i moniti che il vicepresidente dell’Assemblea legislativa dell’Emilia-Romagna ed esponente della Lega, Fabio Rainieri, ha lanciato durante il dibattito in commissione assembleare politiche economiche sul nuovo regolamento regionale per la gestione degli ungulati.

“C’è giustamente molta preoccupazione nell’ambito del settore agroalimentare per la peste suina africana. Sono in ballo migliaia di posti di lavoro – ha rilevato Rainieri – Occorre fare di più per eradicare la malattia di quanto Governo e Regioni, al di là dei fondi inutilizzati e del rimpallo delle responsabilità, hanno fatto fino ad oggi. Va coinvolta di più anche l’Unione europea e non solo per annullare i blocchi delle esportazioni. Ci vorrebbe un piano europeo per l’eradicazione della malattia, perché questa è arrivata in Italia da paesi che la subiscono da tanti anni senza riuscire da soli a eradicarla.  Inoltre, bisogna evitare la cattiva comunicazione. Ci sono aziende di produzione di carni suine già in crisi a causa dei blocchi dell’export. Ricordiamoci cosa successe ai tempi della “Mucca pazza” quando più nessuno comprava carne bovina e gli allevatori furono ridotti sul lastrico”.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Peste suina africana, la Lega: "Azioni più incisive per il depopolamento dei cinghiali"

ParmaToday è in caricamento