Nomine in Comune, non luogo a procedere per Pizzarotti: "E' la quinta accusa caduta"

Effetto Parma: "Si conferma un’altra volta la buona fede del sindaco"

Il Tribunale di Parma ha stabilito il non luogo a procedere per il sindaco Federico Pizzarotti, relativamente all'accusa di abuso d'ufficio per le nomine del direttore generale Marco Giorgi, il suo portavoce Marcello Frigeri e il capo di gabinetto Francesco Cirillo. Ecco il commento del primo cittadino: 

"Oggi per la giustizia italiana è caduta la quinta accusa nei miei confronti, mi si accusava di abuso d’ufficio. Per il Tribunale di Parma, ancora una volta, il fatto non sussiste. In 7 anni da sindaco sono stato accusato di: abuso d’ufficio (2), disastro colposo e turbativa d’asta. Tutte cadute. Non ho altro da aggiungere, se non che ho sempre creduto alla giustizia come a un pilastro dello stato di diritto. Ora avanti, il mio impegno continua con ancora più motivazione e passione. Dal rischio default e dal commissariamento, questa piccola grande città ha ridotto il debito del 60%, è tornata a investire e a credere nel futuro, sarà presto la Capitale Italiana della Cultura ed è costantemente nella top ten delle migliori città italiane. Avanti, senza se e senza ma".

Il capogruppo di Effetto Parma, Cristian Salzano, commenta "il non luogo a procedere" disposto dal Gup sull'indagine: "Si conferma un’altra volta la buona fede del sindaco Federico Pizzarotti. Il giudice ha disposto il non luogo a procedere per l’inchiesta sulle nomine del direttore generale Marco Giorgi, il suo portavoce Marcello Frigeri e il capo di gabinetto Francesco Cirillo.

Le nomine che sono finite davanti al giudice sono nomine che la legge definisce fiduciarie e quindi dietro fiducia e incarico diretto del sindaco. A far scattare l’indagine è stato forse un eccesso di trasparenza del sindaco Pizzarotti che ha voluto aprire una manifestazione di interesse - legittima e che ricordiamo non essere un bando - anche se aveva dichiarato priorità all’intenzione di dare continuità al lavoro svolto nei 5 anni precedenti. E come era in suo potere ha scelto chi più gli sembrava competente con i requisti base.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Continuiamo a ribadire la nostra fiducia nella magistratura. Il Tribunale ha già dichiarato il non luogo a procedere per i fatti dovuti all’alluvione dell’ottobre del 2014 e che “il fatto non sussiste” per il caso cessione quote Stu Pasubio. Noi continuiamo a guardare avanti e a lavorare per la città. 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Blitz contro gli assembramenti: chiuso un locale in via Emilio Lepido

  • Choc a Bedonia, lite per un muretto: 63enne uccide il vicino di casa 70enne fracassandogli il cranio

  • Calabria, Pizzarotti sullo spot che attacca il Nord: "Non dirò mai venite a Parma paragonandola ad altre città"

  • Paura a Cangelasio: esplosione ed incendio in un fienile e un'abitazione

  • Affittano una casa al mare ma la trovano occupata: coppia di Felino truffata via internet

  • Maxi evasione dell'Iva: la Finanza sequestra 12 milioni di euro a due cooperative del gruppo Taddei

Torna su
ParmaToday è in caricamento