menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Regio e avviso di garanzia, le opposizioni: 'Pizzarotti non vuole discuterne in Consiglio'

Dopo tante polemiche sulla sospensione del sindaco dal Movimento 5 Stelle le opposizioni foalizzano l'attenzione sul contenuto: "Quali criteri hanno portato alla scelta dei vertici del Teatro?" - Cattabiani: 'Chiederò le dimissioni dell'assessore Ferraris"

Teatro Regio, avvisi di garanzia a Pizzarotti e all'assessore Ferraris. Negli ultimi gioni si è parlato soprattutto della sospensione del sindaco dal Movimento 5 Stelle ma si è perso un pò di vista il contenuto, ovvero le nomine dei vertici del Teatro Regio, dopo che già erano stati selezionati sette curriculum tramire una procedura di bando. Le opposizioni riportano l'attenzione su questo, che è poi quello che più interessa i cittadini. Nella conferenza dei capigruppo di giovedì le opposizione hanno presentato una mozione sul Regio, che non è stata messa all'Ordine del Giorno del prossimo Consiglio Comunale del 24 maggio.

Nicola Dall'Olio, capogruppo del Pd: 'Oggi non vorremmo essere qui in conferenza stampa ma giovedì abbiamo presentato una mozione per la revoca del Cda del Regio in conseguenza di quello che è successo, questa mozione non è stata accettata dal presidente del Consiglio Marco Vagnozzi". L'opposizione chiede al sindaco spiegazioni, nonostante la mozione non sia stata accettata. 

"Era un occasione -sottolinea Maria Teresa Guarnieri - per porre in Consiglio comunale per parlare del tema che ha interessato tutta Italia, ma non ne avremo la possibilità. Ci è stato detto che non è possibile parlarne perchè c'è un indagine in corso, noi non abbiamo intenzione di interferire con le indagini ma il sindaco deve spiegare a noi e alla città perchè c'è stata una procedura anomala, che ha dei profili che fanno porre delle domande. Il sindaco ci deve spiegare perchè si è avuto questo cambio improvviso. Quali sono le competenze che questa persona ha rispetto alle altre? Quale progetto ha presentato? Ci hanno detto che andremo a ledere la privacy del Cda e ci è stato detto che se ne potrà parlare dopo le indagini della Magistratura. Ci hanno detto che la colpa è di chi ha fatto l'esposto. Ci auguriamo che il sindaco comunque dica alla città le motivazioni che hanno spinto ad agire in questo modo, ci aspettiamo dei chiarimenti"

"Non si può condannare un sindaco perchè ha ricevuto un'avviso di garanzia ma il sindaco va giudicato per quello che ha fatto o non ha fatto per la comunità" ha dichiarato Franco Cattabiani. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento