Salvini cita Mussolini: Fritelli "lo appende" a testa in giù

Il presidente della Provincia e sindaco di Salsomaggiore Terme pubblica su Facebook, capovolto, il post del Ministro dell'Interno "Tanti nemici, tanto onore"

Il presidente della Provincia e sindaco del Comune di Salsomaggiore Terme Filippo Fritelli ha pubblicato su Facebook la foto del post del Ministro dell'Interno Matteo Salvini a testa in giù. Il famoso post è quello in cui il leader della Lega cita Benito Mussolini: "Tanti nemici, tanto onore". L'esponente del Partito Democratico ha pubblicato il post e ha commentato: "Evidentemente citare Mussolini piace e rende simpatici. Ecco per me no !!!!". Sotto al post ci sono già numerosi commenti: un post che non mancherà di suscitare polemiche. Alcuni commentatori accolgono positivamente l'uscita di Fritelli, altri meno e lo criticano, richiamandolo al suo ruolo istituzionale. 

Da dove nasce il post "incriminato"? Il vicepremier e ministro dell'Interno aveva risposto alle critiche ricevute da più parti da quando è al governo utilizzando una frase molto simile a un famosa citazione di Benito Mussolini. "Tanti nemici, tanto onore", aveva scritto il ministro sul suo profilo Twitter postando un articolo di Affaritaliani che riassume gli attacchi partiti contro di lui nelle ultime settimane da giornali e personaggi pubblici. Interpellato da alcuni giornalisti italiani, Salvini aveva inoltre affermato che "l'allarme razzismo è un'invenzione della sinistra". 

fritelli-7

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Basket in lutto: muore la 18enne Alessia Zambrelli

  • Violenta una bimba di 8 anni nel suo negozio: arrestato commerciante 37enne

  • Terrore in A1, auto si schianta e si incendia vicino al treno deragliato: muore una 21enne parmense

  • Schianto mortale in A1: arrestato il pirata della strada che ha travolto l'auto dei quattro giovani

  • "Furti nel parmense: attenti alla banda di ladri che gira a bordo di una Giulietta"

  • "Addio Alessia, che tu ora possa trovare la serenità"

Torna su
ParmaToday è in caricamento