Pressioni a Gazzolo dal sindaco di Polesine Zibello, Piccinini (M5s): “Giunta chiarisca”

“Parrebbe che la pratica relativa alle autorizzazioni Aia e Via di un’azienda agricola di Zibello abbia potuto godere di un iter effettivamente rapido” afferma la pentastellata

È Silvia Piccinini del Movimento 5 stelle a chiedere chiarimenti all’esecutivo regionale relativamente a notizie stampa che raccontano di pressioni all’assessora Gazzolo da parte del sindaco di Polesine Zibello. La consigliera vuole anche sapere se, in seguito all’accaduto, sia stata presentata regolare denuncia.

I media locali hanno riportato la notizia dell’arresto del sindaco del comune parmense, “accusato- spiega la pentastellata- di vari reati, quali corruzione, truffa, peculato e falso”. Il sindaco, prosegue l’esponente dei cinquestelle, “avrebbe anche fatto pressioni su esponenti di spicco delle istituzioni, compresa l’assessora Gazzolo”, per velocizzare, a quanto pare, alcune paretiche relative a un’azienda agricola di Zibello. Dalle intercettazioni riportate dai media locali, rimarca Piccinini, “parrebbe che la pratica relativa alle autorizzazioni Aia e Via dell’azienda agricola abbia potuto godere di un iter effettivamente rapido”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La capogruppo vuole quindi sapere dall’esecutivo regionale “quale sia stato l’iter autorizzativo seguito dall’azienda in questione”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, i 'furbetti' del supermercato: "Chi esce per comprare solo una birra è incosciente"

  • Coronavirus: a Parma sabato e domenica chiusi centri commerciali e supermercati

  • Salsomaggiore: muore il medico termale Ghvont Mrad

  • Coronavirus: il Gruppo Chiesi dona 3 milioni di euro e aumenta del 25% lo stipendio dei lavoratori

  • Coronavirus, Venturi: "Sistema al collasso se a Parma i contagi non diminuiscono"

  • Coronavirus: in arrivo una nuova certificazione

Torna su
ParmaToday è in caricamento