Regionali, i candidati M5s di Parma: "Il Pd devasta il territorio"

La denuncia dei candidati: "Proprio sui rifiuti il centro sinistra ha applicato la tecnica dell'inganno: da una parte la propaganda ecologista, dall'altra la realizzazione dei 9 inceneritori che inquinano l'Emilia Romagna"

"Il decennale governo del centro sinistra in Emilia Romagna -si legge in una nota dei candidati consiglieri M5s di Parma- si è distinto in particolare per un obiettivo, raggiunto senza tentennamenti. La devastazione del territorio, attraverso politiche di cementificazione selvaggia e di cattiva gestione del ciclo dei rifiuti. Proprio sui rifiuti il centro sinistra ha applicato la tecnica dell'inganno: da una parte la propaganda ecologista, dall'altra la realizzazione dei 9 inceneritori che inquinano l'Emilia Romagna e bloccano lo sviluppo di pratiche virtuose. Con il decreto Sblocca Italia, varato da Renzi e centro destra a colpi di fiducia, i partiti hanno creato la rete nazionale degli inceneritori. Invece di prendere atto che l'Europa e il buon senso ci chiedono di invertire la rotta, la volontà politica è evidentemente quella di favorire e non disturbare gli interessi delle potenti multiutility Iren ed Hera, società private quotate in borsa, nei cui consigli di amministrazione siedono i rappresentanti Pd.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'Amministrazione comunale di Parma, con il raggiungimento del 70% di raccolta differenziata in un anno, ha dimostrato che è semplice cambiare impostazione, basta volerlo. Il Movimento 5 Stelle, in regione Emilia Romagna, si opporrà strenuamente al piano del Pd, che prevede il mantenimento di tutti gli inceneritori regionali, da alimentare con i rifiuti in ingresso da tutto il paese. Proporremo, al contrario, di portare la differenziata spinta in tutti i comuni della regione. Al 2020, in questo modo, è possibile chiudere almeno 7 inceneritori su 9, migliorando la situazione ambientale e sanitaria e creando un indotto economico sul riutilizzo e il riciclaggio dei materiali. Il ciclo di gestione e raccolta dei rifiuti deve essere un meccanismo virtuoso, non una piaga per il territorio. Stesso modo di approcciarsi per le centrali a biomasse e cogeneratori vari che vengono autorizzate da Province e Regione. I Parmensi ben si ricordano del caso dell'inceneritore (cogeneratore) al poggio di S. ilario Baganza. Oggi la stampa sia piena di evidenze sul fatto che la preoccupazione manifestata all'epoca dai cittadini e considerata ingiustificata dai vari Dall’Olio, Muzzarelli, Castellani e Bonomo, era assolutamente legittima. Ci batteremo per gli interessi dei cittadini e dell'ambiente, non abbiamo diktat da rispettare e gruppi di potere a cui rispondere. Non per tutti è così".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, un nuovo Decreto tra domenica e lunedì: chiusura alle 22 e lockdown nel week end

  • Coronavirus: chiusure generalizzate e coprifuoco alle 22

  • Covid: da lunedì 19 ottobre a Parma al via i test gratuiti nelle farmacie

  • A Parma vietate le feste e lo sport amatoriale: mascherina in casa con i non conviventi

  • Smart working allargato, coprifuoco dalle 22 e chiusura palestre: come potrebbero cambiare le regole anche a Parma

  • Parma, quattro giocatori positivi al coronavirus

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento