Lunedì, 17 Maggio 2021
Politica

Salvini a Sorbolo: "Sono orgoglioso di consegnare i beni confiscati, la mafia va aggredita nel portafoglio"

Il Ministro dell'Interno ha iniziato la sua visita al Centro Civico di via Groppini: "Stiamo facendo il possibile e l’impossibile perché entro la fine dell’anno ci sia finalmente una manovra economica che abbiamo elaborato con sforzi, ragionevolezza e buon senso"

Il Ministro dell'Interno Matteo Salvini ha inaugurato, stamattina a Sorbolo, per consegnare alcuni appartamenti, sequestrati all'Ndrangheta nell'ambito dell'inchiesta Aemilia, alla Guardia di Finanza. A causa nella nebbia, che ha provocato la chiusura dell'aeroporto di Parma Salvini è atterrato a Bologna e si è recato, in ritardo sulla tabella di marcia, al Centro Civico di via Groppini, accolto da numerosi sostenitori. "Sono orgoglioso di stare qui e di consegnare i beni confiscati alla mafia, che va aggredita nel portafoglio. Nel Decreto Sicurezza c'è il raddoppio delle risorse umane destinate alle confische dei beni". 

"Stiamo facendo il possibile e l’impossibile - ha detto il Ministro- perché entro la fine dell’anno ci sia finalmente una manovra economica che abbiamo elaborato con sforzi, ragionevolezza e buon senso. Dovremo lavorare fra Natale e Capodanno: non mi spaventa. Dopo la visita al Centro Civico Salvini è stato in via Montefiorino 2 a Sorbolo per la consegna alla Guardia di Finanza di un immobile confiscato alla 'Ndrangheta, nell'ambito del processo Aemilia. "Non metteremo premi" ha detto Salvini riferendosi alla vicenda di Cesare Battisti. "Ribadisco quanto detto al presidente brasiliano: qualora venisse preso sono disponibile a salire sul primo aereo e accompagnarlo personalmente". 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Salvini a Sorbolo: "Sono orgoglioso di consegnare i beni confiscati, la mafia va aggredita nel portafoglio"

ParmaToday è in caricamento