menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Salvini risponde a Fritelli: "Immaginate se uno della Lega avesse pubblicato minacce del genere..."

Il presidente della Provincia di Parma aveva "appeso" a testa in giù il post del Ministro dell'Interno per criticare una citazione di Mussolini

Immaginate se un ministro della Lega avesse pubblicato minacce del genere contro un ministro del Pd. Andiamo avanti amici, siamo sulla strada giusta alla faccia di questi "democratici" poveretti". E' questa la risposta del Ministro dell'Interno Matteo Salvini il giorno dopo che il presidente della Provincia di Parma Filippo Fritelli lo aveva 'appeso a testa in giù' in un post, criticando la citazione di Mussolini "Tanti nemici, tanto onore". 

Il post del presidente della Provincia e sindaco di Salsomaggiore Terme era stato criticato dagli esponenti locali della Lega e dai parlamentari del Carroggio: oggi Salvini ha deciso di rispondere direttamente dal suo profilo Facebook e di continuare la polemica con il presidente della Provincia del Pd: uno scontro istituzionale che non sembra destinato a placarsi a breve. 

Da dove nasce il post "incriminato"? Il vicepremier e ministro dell'Interno aveva risposto alle critiche ricevute da più parti da quando è al governo utilizzando una frase molto simile a un famosa citazione di Benito Mussolini. "Tanti nemici, tanto onore", aveva scritto il ministro sul suo profilo Twitter postando un articolo di Affaritaliani che riassume gli attacchi partiti contro di lui nelle ultime settimane da giornali e personaggi pubblici. Interpellato da alcuni giornalisti italiani, Salvini aveva inoltre affermato che "l'allarme razzismo è un'invenzione della sinistra". “
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Ponte Verdi sul Po: chiusura totale domenica 28 febbraio

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Covid: oltre 160 casi e due morti

  • Cronaca

    Parma rischia di finire in zona rossa dal 1° marzo

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento