rotate-mobile
Politica

Pietro Vignali: "Medicina territoriale, liste di attesa e Pronto soccorso, si rischia il caos. Più fondi alla sanità’

Il candidato alla Camera per Forza Italia: "E’ necessario mettere mano al sistema sanitario nazionale e aumentare i fondi. Se verrò eletto sarà uno dei miei primi impegni"

‘La recente protesta degli operatori sanitari del Pronto soccorso, sommata alle gravi defezioni di organizzazione della medicina del territorio e alle lunghe liste di attesa della specialistica sono criticità che rischiano di causare gravissime conseguenze per le persone. E’ necessario mettere mano al sistema
sanitario nazionale e aumentare i fondi. Se verrò eletto sarà uno dei miei primi impegni’. Lo dice il candidato alla Camera di Forza Italia Pietro Vignali.

La pandemia ha scoperchiato e aggravato una situazione che a fronte di continui tagli perpetrati da ormai diversi decenni dallo Stato, che hanno portato a forti carenze di medici, alla fuga di alcuni e alla mancata sostituzione di altri, è esplosa recentemente in tutta la sua gravità: ‘Leggo di grida d’allarme sia a Parma,
ma anche a Fidenza e Borgotaro con fondi del PNRR dislocati per la realizzazione di strutture senza pensare però a come riempirle di personale sanitario. Se poi pensiamo che la protesta nel nostro Pronto soccorso è dilagata in un periodo che dovrebbe essere più tranquillo come l’estate, la prospettiva dell’autunno e
dell’inverno diventa drammatica. I medici di base poi mancano in diversi paesi e frazioni creando forti disagi soprattutto agli anziani. Per questo è necessario invertire immediatamente la tendenza investendo e garantendo maggiori fondi alla sanità’. Vignali poi rivolge un’ultima riflessione sulle case di comunità: ‘Bene le strutture perché possono sgravare il lavoro dei pronti soccorso ma anche qui è necessaria una programmazione del personale per garantire il loro buon funzionamento’

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pietro Vignali: "Medicina territoriale, liste di attesa e Pronto soccorso, si rischia il caos. Più fondi alla sanità’

ParmaToday è in caricamento