Sindaco senza giunta ma il Pdl rilancia: "Andiamo avanti lo stesso"

Il coordinamento guidato da Villani ha deciso di continuare ad amministrare anche per consegnare le opere in corso alla città. Le dimissioni di sei assessori e le proteste di piazza non bastano

Le dimissioni di sei assessori della giunta Vignali, la ormai risicata maggioranza in Consiglio comunale e le sette proteste popolari che si sono susseguite contro l'amministrazione da giugno a oggi, non bastano né al sindaco né al Pdl per decidere di fare un passo indietro.

Il Coordinamento provinciale del PdL di Parma - guidato da Luigi Giuseppe Villani e dal suo vice Massimo Moine - ha deciso che l'attività amministrativa delle Comune deve proseguire "nel segno della responsabilità". Il Coordinamento si è riunito ieri pomeriggio ritenendo opportuno "confrontarsi dopo il voto di approvazione dell'assestamento di bilancio da parte del Consiglio comunale di martedì scorso e, in particolare, dopo le dimissioni di alcuni membri della Giunta comunale, appartenenti al movimento civico".

"Alla luce di quanto successo - si legge in una nota diffusa in serata - risultava necessario avviare un sereno confronto all'interno del partito per definire concordemente le modalita della partecipazione del PdL all'attività amministrativa. Crediamo di avere il dovere di affrontare le importanti responsabilità amministrative proponendo l'anticipazione della votazione del bilancio di previsione per l'anno 2012 addirittura a novembre. Riteniamo inoltre che la prosecuzione dell'attivita amministrativa sia fondamentale anche per garantire il regolare pagamento dei fornitori del Comune oltre che necessaria per portare a compimento e, conseguentemente, consegnare alla città importanti opere pubbliche, come avverrà prossimamente con la nuova Ghiaia o con le opere a corredo della sede dell'Efsa (consegnata proprio ieri all'Agenzia), il Ponte a nord, oltre che seguire lo stato di avanzamento della Scuola europea". Per le prossime elezioni amministrative il Coordinamento Pdl ha ufficializzato di volersi orientare nella scelta dei candidati attraverso il sistema delle primarie.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I ristoratori si ribellano: "Il 15 gennaio apriremo nonostante i divieti"

  • Le regole dopo il 15 gennaio: ecco quando si potrà andare a trovare parenti e amici

  • Ecco cosa si può fare da lunedì 11 gennaio a Parma

  • Via al decreto gennaio, restrizioni fino a marzo: vietato uscire dalla regione, solo in due dagli amici

  • Parma scongiura la zona rossa

  • Dal 16 gennaio Parma rischia la zona rossa

Torna su
ParmaToday è in caricamento