Dimissioni Mauro, Zilli (Idv): "Ora tocca a Costa e Vignali"

Duro attacco della segretaria provinciale dell'Italia dei Valori che ora chiede a gran voce le dimissioni del presidente di Stt per "conflitto di interessi" e del sindaco Vignli per "straripante incapacità politica" nella gestione del caso Tep-MB

Intervento di Paola Zilli, segretaria provinciale dell'Italia dei Valori, dopo le dimissioni del presidente di Tep, Tiziano Mauro.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Il Caso non si chiude qui dichiara la Zilli-. Il responsabile del Comune di Tep, Mauro, si è dimesso e ciò era moralmente sacrosanto oltre che politicamente necessario, ma la partita è appena cominciata e solo una delle tante carte in tavola è stata scoperta. Parma è tutt'altro che quell'oasi felice che ci viene descritta e, piano piano, tutto sta venendo fuori: conflitti d'interessi, gestione privata di una politica che sempre di più diventa sinonimo di interesse personale più che collettivo e speculazioni economiche.

Noi dell'Italia dei Valori - continua la Zilli - vogliamo parlare dei problemi reali della città e dei cittadini ed è per questo che Costa, a causa di un palese nonché imbarazzante conflitto d'interessi, e Vignali, a causa di una straripante incapacità politica sia in merito alla gestione del Caso Tep-MB sia nella gestione della cosa pubblica nella nostra città. Da qui potremo ripartire in vista di una nuova politica che guarda esclusivamente agli interessi dei cittadini, non a creare holding con più di 200 milioni di euro di debito, non a distruggere architettonicamente e culturalmente i luoghi più caratteristici del centro storico, ma una politica - conclude - che volge il proprio sguardo ai problemi degli universitari, alla questione degli affitti, al dovere che un istituzione ha nei confronti degli immigrati, l'integrazione, agli asili, alla sicurezza (quella vera, non quella d'immagine), e soprattutto alla legalità e alla trasparenza che devono rappresentare quel filo diretto tra istituzione e popolazione che mai si deve rompere.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Spostamenti tra regioni il 3 giugno: ecco perché rischiamo la chiusura per altre due settimane

  • Bimbo di 4 anni muore all'Ospedale Maggiore

  • Coronavirus: a Parma 21 nuovi casi e 2 morti

  • Parma fuori dall'incubo: nessun decesso e nessun nuovo caso

  • Morte del piccolo Jacopo, oggi l'autopsia: due persone indagate per omicidio colposo

  • Dal 3 giugno via libera agli spostamenti da Parma nelle altre regioni

Torna su
ParmaToday è in caricamento