Via Mazzini, Gambarini e Isi (Forza Italia): "No alla pedonalizzazione totale del centro"

"Creerà enormi disagi ai residenti che perderanno una via di accesso"

"Sono da poco iniziati i lavori in via Mazzini per il rifacimento dell'illuminazione, dopo di che si procederà al restringimento della carreggiata. L'intervento interessa la parte compresa da piazza Garibaldi a via Carducci. Nei documenti leggiamo che la via verrà resa pedonale: sarà possibile solo il passaggio del trasporto pubblico locale". Così inizia un comunicato stampa di Francesca Gambarini e Elisabetta Isi, rispettivamente commissario provinciale e comunale di Forza Italia.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"L'assessore - proseguono Gambarini e Isi - dice che la strada resterà aperta ma vista la proclamata intenzione di rendere pedonale tutto il centro riteniamo che il restringimento sia preludio di chiusura. Ciò creerà enormi disagi ai residenti che perderanno una via di accesso. Il che vuol dire percorrere molti più chilometri per arrivare a casa, inquinando di più. Senza dimenticare che anche i nuovi varchi creati in centro hanno creato grossi problemi a chi in centro vive e lavora, rendendo quasi impossibile l'accesso a chi vuole venire in centro per fare compere o altro. Sembra quasi che ci sia un preciso piano per esasperare le persone e allontanarle dal centro. Sembra quasi che si voglia anche evitare di realizzare parcheggi interrati nella zona sud est, che ne è carente. Forse i nostri amministratori vogliono costruire una Parma da mettere in vetrina per Parma 2020 con progetti mirati a creare una bella immagine che nei fatti creano solo difficoltà ai parmigiani o rischiano di deturpare la città, come la folle idea di una pista ciclabile nel greto del torrente Parma. Ma d'altronde da un sindaco interessato solo alla ribalta nazionale non possiamo certo aspettarci che conosca le esigenze di chi a Parma ci vive".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Spostamenti tra regioni il 3 giugno: ecco perché rischiamo la chiusura per altre due settimane

  • Bimbo di 4 anni muore all'Ospedale Maggiore

  • Coronavirus: a Parma 21 nuovi casi e 2 morti

  • Parma fuori dall'incubo: nessun decesso e nessun nuovo caso

  • Morte del piccolo Jacopo, oggi l'autopsia: due persone indagate per omicidio colposo

  • Dal 3 giugno via libera agli spostamenti da Parma nelle altre regioni

Torna su
ParmaToday è in caricamento