ParmaToday

prantera (forza civica): “dobbiamo contarle tutte, una ad una. perché quando una donna uccisa ha un nome, una storia e un volto è più difficile che resti un numero”

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di ParmaToday

“Espongo il pensiero di un uomo indignato dopo aver appreso la notizia che riporta di tre donne uccise in sole ventiquattro ore, mi si stringe lo stomaco e chiedo scusa per gli atti violenti che persone appartenenti al mio genere continuano a commettere. Una preghiera per le vittime: Piera Napoli, Heshta Luljeta e Ilenia Fabbri, e un grande abbraccio alle loro famiglie. Un appello banale ma necessario viene spontaneo, la violenza non è mai giustificabile, nemmeno da parte di chi la violenza l'ha subita, e che invece dovrebbe invertire la rotta e condannarla. Una donna che ama un uomo che la picchia o la umilia ha probabilmente bisogno di essere aiutata, e quindi chi subisce violenza deve denunciare senza pensarci due volte. D'altro canto, si può affermare che un uomo che picchia non ama, perché se ama non farebbe mai del male alla sua donna. L'amore violento non esiste, e credo che per quanto sia importante, il giorno che commemora la violenza sulle donne non dovrebbe essere uno solo perché ormai è più che evidente che serva una sensibilizzazione quotidiana sul tema..." Alberto Prantera, associazione culturale Forza Civica Parma

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

prantera (forza civica): “dobbiamo contarle tutte, una ad una. perché quando una donna uccisa ha un nome, una storia e un volto è più difficile che resti un numero”

ParmaToday è in caricamento