rinviata l'assemblea annuale dell'ordine degli infermieri

A causa dell'emergenza Covid-19 l’appuntamento sarà riproposto su piattaforma digitale

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di ParmaToday

È stata rinviata a data da destinarsi l’assemblea ordinaria degli iscritti all’Ordine delle professioni infermieristiche (OPI) di Parma, in programma venerdì 6 novembre. A causa dell’emergenza Covid-19 è infatti impossibile svolgere in presenza l’incontro annuale, al quale sarebbero convocati circa 3.200 professionisti iscritti all’Opi di Parma. “Come consiglio direttivo neo-eletto, attendavamo con trepidazione questa occasione di condividere con i colleghi le nostre idee e i percorsi attuati per sostenere lo svolgimento della professione” ha spiegato la presidente dell’Opi di Parma Marina Iemmi. “L’appuntamento è solo rimandato e sarà svolto a distanza, su supporto digitale, non appena saranno comunicate le linee guida espresse dalla Federazione nazionale degli Opi” ha precisato la presidente, ricordando che gli iscritti riceveranno informazioni sulla nuova convocazione, con specifiche tecniche per la partecipazione online. Il Consiglio direttivo eletto nel dicembre 2019 Marina Iemmi è la presidente dell’Ordine delle Professioni Infermieristiche di Parma. La affiancano il vicepresidente Walter Rossi, il segretario Emanuele Busi e il tesoriere Roberto Peritore. Il consiglio direttivo comprende ulteriori membri: Vincenzo Allocca, Chiara Contini, Rita Bruna Dicembrino, Onelia Rita Facini, Salvatore Gaglio, Massimiliano Raffaele Gravinola, Rachele La Sala, Rita Romano, Salvatore Salvo, Paolo Vaccarello. L’Ordine provinciale delle professioni infermieristiche ha finalità generali e rivolte agli iscritti. Tra le prime c’è la tutela del diritto di ogni cittadino a ricevere prestazioni sanitarie da personale qualificato. Sono numerose le attività rivolte agli infermieri iscritti; tra queste la tutela della professionalità, il contrasto all’abusivismo, il sostegno alla crescita culturale e il supporto per il corretto esercizio della professione.
Torna su
ParmaToday è in caricamento