Taglio del nastro ufficiale per il Day Hospital oncologico

Inaugurata la struttura al padiglione Cattani. 4080 pazienti assistiti in regime di day service ambulatoriale

Nel percorso che sta portando alla creazione di un’unica struttura nuova e funzionale che riunirà tutti i reparti di area oncologica, con la costruzione del nuovo Centro Oncologico di Parma, si è reso indispensabile individuare una soluzione che consentisse di superare, in tempi brevi, le criticità della storica sede di Day Hospital oncologico collocata nel padiglione Poliambulatori. Un padiglione costruito nel 1975, ormai vetusto e dagli spazi stretti per le funzioni sanitarie.

 L’Azienda Ospedaliera-Universitaria di Parma ha quindi individuato al piano rialzato del padiglione Cattani una soluzione di transizione, in spazi più ampi e completamente ristrutturati, che ha consentito di rispondere all’aumento dei pazienti oncologici secondo principi di adeguatezza dei percorsi di cura.

Aperto lunedì 18 giugno 2018, senza alcuna interruzione dei servizi sanitari, il nuovo Day Hospital oncologico è oggi pienamente operativo e in grado di garantire ai pazienti e ai professionisti spazi adeguati alla qualità del servizio e al carico di lavoro che deve assolvere, in attesa della costruzione del nuovo Centro Oncologico.

Il trasferimento delle attività di day hospital e day service oncologico al Padiglione Cattani ha permesso di fornire al paziente riferimenti chiari per tutto il percorso diagnostico terapeutico, in particolare prevedendo un’estensione degli orari di apertura della struttura e l’individuazione di equipe multiprofessionali composte da Specialisti oncologici, Medici in formazione specialistica ed infermieri per gruppi di patologie, con uno Specialista di riferimento al quale il paziente può rivolgersi per tutto il percorso diagnostico e terapeutico.

Durante l’anno 2017 la U.O. Oncologia Medica ha erogato, presso il Day Hospital Oncologico, 22.189 visite specialistiche nelle diverse fasi del percorso diagnostico-terapeutico e di follow-up per 4.080 pazienti assistiti in regime di day service ambulatoriale. Negli ultimi tre anni si è inoltre rilevato un incremento del 22% delle nuove prese in carico (da 1067 nuovi pazienti nell’anno 2015 a 1300 nell’anno 2017).

Le caratteristiche dell’intervento
Con una superficie interna di circa 1.900 metri quadrati, la nuova collocazione presso il Padiglione Cattani ha consentito un incremento degli spazi di circa un 30% rispetto alla vecchia sede dei Poliambulatori. Attenzione particolare è stata posta agli spazi di accoglienza dei pazienti dall’esterno e di somministrazione delle terapie.

Il nuovo Ingresso. Caratteristica principale dell’intervento è stata la creazione di una nuova struttura vetrata di ingresso sul fronte nord del padiglione che ha consentito di migliorare l’accessibilità e l’accoglienza, donando una linea stilistica più moderna a tutto il fronte del padiglione, nel rispetto delle indicazioni della Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio.

Le opere interne. Gli interventi di ristrutturazione interna hanno riguardato il rifacimento completo di tutti i serramenti (porte e finestre), controsoffitti, tinteggi, rivestimenti e buona parte delle pavimentazioni. Si è proceduto inoltre al completo rifacimento degli impianti di riscaldamento e raffrescamento, dei sistemi idrici e degli impianti elettrici, di trasmissione dati e rilevazione incendio. 

La suddivisione degli spazi è stata concepita per ambienti omogenei. Un atrio a vetri accoglie visitatori e pazienti in un luogo di cura luminoso e funzionale. Comode sedute, donate dall’Azienda Barilla, consentono di prendere posto a quasi 100 persone mentre un totem digitale registra i pazienti all’arrivo con il semplice inserimento della tessera sanitaria. I grandi monitor nelle sale d’attesa hanno invece il compito di chiamare i pazienti, dando indicazioni dell’ambulatorio in cui recarsi.

Nel corpo centrale del padiglione è stata invece concentrata tutta la zona di somministrazione terapie in ambienti riservati e dotati di servizi igienici dedicati.  Completano la zona centrale i locali medici ed infermieristici.

Nella zona più a sud sono presenti le funzioni direzionali e logistiche quali un archivio cartelle cliniche, una stanza dedicata ai frigoriferi, un laboratorio e gli studi medici. 

Complessivamente sono state realizzate: 2 sale di attesa per quasi 100 posti a sedere; 13 ambulatori medici; 7 ambulatori medici di somministrazione; 2 camere di degenza day hospital; 8 studi medici; 1 archivio; 1 laboratorio; tutti i locali di servizio.

Le Opere esterne. È stato creato un nuovo ingresso sul lato nord del padiglione sfruttando la rampa di accesso asfaltata già esistente alla quale è stato affiancato un montalettighe di nuova realizzazione, con il quale gli utenti possono accedere agevolmente nella sala di attesa. Nei cortili limitrofi sono stati creati posti auto per il parcheggio riservato agli utenti in cura al Day Hospital Oncologico. Completano gli interventi sistemi per la sicurezza quali telecamere e impianti di allarme.

La facciata storica. All’interno di una più articolata programmazione degli interventi sul padiglione Cattani, si è proceduto anche al restauro conservativo della facciata nord del Padiglione, che rappresenta il nuovo ingresso del Day Hospital Oncologico.

La Radioterapia. La nuova collocazione del Day Hospital Oncologico, in stretta contiguità alla U.O. di Radioterapia, è particolarmente funzionale all’interfaccia con la stessa, anch’essa interessata da un’importante investimento relativo all’acquisizione di un acceleratore lineare di ultima generazione grazie al finanziamento della Regione Emilia-Romagna di 2.500.000 di euro. L’installazione del nuovo acceleratore è già in corso e sarà completata entro il mese di marzo 2019.

Importo investimento
Il totale dell’importo investito per il nuovo Day Hospital Oncologico è stato pari a  1.538.000 euro di cui 300 mila per la ristrutturazione della facciata nord del Cattani.

Il prezioso ruolo delle donazioni
Alla realizzazione del nuovo Day Hospital e al miglioramento dell’adiacente Radioterapia hanno contribuito numerosi donatori tra cui:

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Verso il Sereno per i totem regolacoda e il recupero delle storiche panchine esterne
Barilla SpA e Adas Barilla per le comode sedute gialle e rosse delle sale d’attesa
Label SpA per la porta scorrevole ad apertura automatica dell’ingresso principale
I pittori Vittorio Ferrarini e Nicola Rossini per le tele esposte nei locali
Bia Garden per gli arredi floreali degli interni
Amici della Terra per l’aiuola esterna
Impresa Bonatti per l’ampliamento degli ambulatori della Radioterapia
Marco Mazzali per gli arredi dei due ambulatori della Radioterapia
Reggiana Riduttori per un intervento di manutenzione straordinaria
altri che hanno scelto di rimanere anonimi..

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, un nuovo Decreto tra domenica e lunedì: chiusura alle 22 e lockdown nel week end

  • Coronavirus: chiusure generalizzate e coprifuoco alle 22

  • Covid: da lunedì 19 ottobre a Parma al via i test gratuiti nelle farmacie

  • Smart working allargato, coprifuoco dalle 22 e chiusura palestre: come potrebbero cambiare le regole anche a Parma

  • Covid, in arrivo un nuovo Dpcm: limitazioni su orari e spostamenti

  • Allerta terapie intensive: a Parma rischio alto

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento