istituto comprensivo lodi e liceo olivetti dai più piccoli ai teenagers a lezione di educazione alla sicurezza personale.

Quando la Scuola e i genitori lavorano in sinergia per una sana crescita dei giovani.

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di ParmaToday

E’ terminato oggi il ciclo di lezioni tenuto dal M° Andrea Bisaschi, esperto in prevenzione e sicurezza personale, all’Istituto Comprensivo Mario Lodi e al Liceo Olivetti di Scienze Umane. Quattro ore di lezione di Educazione alla Sicurezza Personale durante le ore curriculari di Scienze Motorie con la presenza del Prof. Davide Lo Duca, per la classe terza della scuola primaria, per la prima della scuola secondaria di primo grado e per la prima e la seconda classe della scuola secondaria di secondo grado. Il progetto approvato dai genitori degli alunni e fortemente voluto dal Dirigente Scolastico ha avuto un enorme successo tra i ragazzi. I moduli didattici strutturati dal M° Bisaschi hanno seguito una complessità differente in base all’età degli studenti. Per i più piccoli le lezioni sono state impostate prevalentemente sul giocare alla lotta e sullo sviluppo dell’equilibrio dinamico a contatto, capacità coordinativa specifica propedeutica al lavoro che si farà successivamente per la difesa personale. Educare i bambini al contatto è importantissimo in questa fase di crescita perché permette di sperimentare le proprie capacità e i propri limiti, sempre in modo giocoso e non prestazionale, confrontandosi con i compagni. Il rispettare i limiti, ovvero imparare a rispettare gli spazi degli altri e a fare rispettare i propri, è stato l’argomento principale affrontato con i ragazzi delle medie. Imparare a proteggere la propria area intima, non solo fisica ma soprattutto psicologica, è necessario per diminuire la vulnerabilità degli stessi. Imparare il senso della distanza e la gestione degli spazi è fondamentale per per prendere consapevolezza dell'importanza della propria corporeità e di come le posture e gli atteggiamenti diano a chi ci osserva una impressione ben precisa. Per i ragazzi delle superiori invece il focus si è spostato prevalentemente sul renderli consapevoli dei possibili rischi, e dotare loro di strumenti pratici ed efficaci per gestire eventualmente, al meglio, situazioni di pericolo. Abbiamo infatti lavorato sulla conoscenza del rischio analizzando fatti di cronaca e le principali tipologie di aggressione, affinché i ragazzi possano imparare a strutturare una strategia preventiva efficace. E’stata sottolineata l’importanza dell’utilizzo dei sensi per captare situazioni di rischio ed eventualmente i comportamenti da adottare per mettersi al sicuro. Sono stati fatti giochi di ruolo affinché i giovani capiscano l’importanza del linguaggio del corpo per comunicare efficacemente e l’importanza tra comunicazione verbale e non verbale per apparire credibili e diventare assertivi.

I più letti
Torna su
ParmaToday è in caricamento