Dove gustare panini, tramezzini e piadine a Parma

Le migliori soluzioni per un pasto completo e rapido

Il panino è entrato di diritto nella nostra dieta ed è il pranzo di tutti, che accontenta piccoli e grandi. Sostituisce tutti i nostri pasti, dalla colazione, alla cena, fa da pranzo e da merenda. Da spuntino. Insomma, è la pietanza più consumata in Italia, assieme alla pizza, solo che è più pratico, più veloce e riesce ad essere gustosissimo. La sua storia parte da lontano: Panis ac perna, pane e prosciutto, ai tempi dei romani, cotto nell'acqua di fichi secchi che serviva per rifocillare le persone che avevano poco tempo per mangiare. Soluzione rapida, come il panino di oggi che dopo diversi secoli ha ancora come caratteristica principale la praticità. Si è trascinato nel corso dei secoli questa grande tradizione del pane con companatico. Fino a diventare un pasto arguto, elaborato e 'salvifico' per chi oggi lavora a ritmi serrati. A Parma il panino è un'arte. E i 'paninari' sono degli artisti. Prendete Walter ad esempio, che da quarant'anni nutre Parma e i parmigiani con i suoi Wallisburger. O Pepen, che non è solo una paninoteca ma è un pezzo di storia. 

LE MIGLIORI PANINOTECHE 

Ecco le cinque migliori paninoteche di Parma. 

La clinica del Panino (Borgo Palmia, 2)

Pepen (Borgo Sant'Ambrogio, 2)

Chelsea Pub (Via Emilio Lepido, 22)

La Corriera Stravagante (Via Platone, 3)

Il Panino dell'Artista (Centro)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nascondevano otto chili di cocaina in un garage del San Leonardo: arrestato un pizzaiolo ed il suo complice

  • Senegalese trova un Rolex e lo porta ai carabinieri: il proprietario lo assume nella sua azienda

  • Parmense flagellato dal maltempo: allagamenti, crolli e disagi per la neve

  • Esce di strada in via Emilia sotto la pioggia a dirotto: gravissimo al Maggiore

  • Caso Pesci, parlano i testimoni dell'accusa: "La ragazza stava malissimo, era piena di lividi ed abrasioni"

  • Blitz contro l'Ndrangheta nel parmense: sequestrati 9 milioni di euro di beni a due imprenditori

Torna su
ParmaToday è in caricamento