Se il turismo deve cambiare strategia

Parma deve migliorare il suo livello di smartness per quanto riguarda l'ccoglienza dei suoi visitatori: il verdetto è del report tematico Smart Culture & Travel

Piazza Garibaldi a Parma

Parma sotto il profilo della promozione turistica può fare di meglio. A dirlo è il report tematico Smart Culture & Travel, che anticipa il più ampio Smart City Index realizzato dalla società di consulenza Between per misurare il grado di “smartness” (in ambiti quali mobilità, e-government, istruzione, sanità, efficienza energetica) delle 117 città capoluogo di provincia italiane, analizzandone gli elementi di innovazione legati al digitale già a disposizione dei cittadini.

Se, infatti, la nostra città si colloca al 9° posto nella classifica generale - che vede in testa per il 2013 le 4 realtà metropolitane Roma, Bologna, Torino e Firenze – è però solo 27esima per quanto riguarda la promozione intelligente del turismo. La classifica pubblicata da Smart Culture & Travel è stata stilata in base alla capacità delle città di intercettare le scelte del visitatore, di tenerlo “legato” attraverso il web all’esperienza che ha vissuto nella città, di farlo ritornare facilitandogli la prenotazione delle strutture ricettive e la fruizione dell’offerta turistica e culturale della città.

A questi elementi l’indagine aggiunge quindi anche la valutazione di come le città valorizzano il proprio patrimonio culturale attraverso il digitale – multimedialità, musei virtuali, realtà aumentata, community culturali sul web, ecommerce – sottolineando la necessità che il processo di innovazione, soprattutto in quest’area tematica, sia condotto facendo sistema e con le istituzioni (province, regioni, governo) coordinate fra loro.

In Evidenza

I più letti della settimana

Torna su
ParmaToday è in caricamento