rotate-mobile
Magazine
PASQUA

Chi ha realizzato l’uovo di cioccolato più grande del mondo?

Uova da record per una tradizione nata nel lontano Settecento

Forse non tutti sanno che le origini dell’uovo di cioccolato risalgono all’epoca del Re Sole, Luigi XIV. Nei primi del Settecento, egli volle infatti sostituire l’oro, dono pasquale, con un uovo di crema di cacao, chiedendo al suo chocolatier di corte di realizzarlo.

Dalla maestosa e regale Reggia di Versailles, questa tradizione è giunta fino ai giorni nostri.

Che sia al latte, fondente o al pistacchio, che si tratti di piccoli ovetti o di uova dal notevole peso specifico, ogni anno sulle nostre tavole, arrivano le immancabili uova di cioccolato, in svariate dolcissime varianti e dimensioni.

Chi poteva immaginare che oltre a rendere felici grandi e piccini, un uovo di Pasqua potesse anche essere da record?

Ecco tre delle uova più grandi del mondo:

  1. Restiamo in Italia e torniamo al 2011. All'interno del centro commerciale Le Acciaierie di Cortenuova, in provincia di Bergamo (Lombardia), svetta un uovo di Pasqua alto 10 metri, che si è conquistato un posto nell'ambito elenco del Guinness Word Record: 7.000 kg tutti da gustare.
     
  2. Ci spostiamo in Argentina. Siamo nel 2015, a San Carlos de Bariloche una schiera di mastri cioccolatai ha realizzato un uovo di 8 tonnellate, alto oltre 10 metri.
     
  3. Torniamo in Italia e ci spostiamo ad Asiago. È la notte del primo aprile 2018 e in occasione della festività pasquale, il grande maître chocolatier tedesco di fama internazionale, Ovet Von Dent, realizza un enorme uovo di cioccolato nel cuore della cittadina altopianese. Per realizzarlo, l’artista e la sua squadra di collaboratori hanno lavorato ininterrottamente e in gran segreto per tutta la notte, utilizzando più di 71.000 barrette di cioccolato, per un peso complessivo di oltre 7300 kg e un’altezza pari a quella della torre campanaria del municipio di Asiago.

Le migliori uova di pasqua 2024: un tuffo tra ingredienti inconfondibili e sapori irresistibili

Articolo originale

In Evidenza

Potrebbe interessarti

ParmaToday è in caricamento