menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Bojinov salva Marino, il Parma vince contro la Samp e sale a quota 11

Finisce 1 a 0 al Tardini, con gol di Bojinov, la più bella partita della stagione. Il Parma conquista una vittoria importante. Gran cuore, grande grinta dei ragazzi di Marino, che portano a casa un successo meritatissimo

Gettando il cuore oltre l’ostacolo, con la giusta determinazione, il Parma trova il secondo successo stagionale che va a braccetto con la seconda rete di Bojinov, tra i migliori. Frantumata al 38’della ripresa la resistenza doriana.Marino presenta Candreva nel trio di centrocampo, con Valiani largo a destra e Maques dalla parte opposta. La Sampdoria si presenta orfana di Cassano,  ancora fuori rosa e con un primato di tutto rispetto: è l’unica squadra imbattuta fuori casa nel corso di questo campionato. Serata fredda al Tardini con una gran nebbia e per un quarto d’ora si vede solo quella, a parte qualche bella iniziativa del solito Marques.

Al 18’ Dzemaili prova a penetrare centralmente, ma viene steso al limite dell’area da Gastaldello. Per Peruzzo è tutto regolare. La Samp si fa attendere e ci vuole un pasticcio di Dzemaili per vederla in avanti. Lo svizzero tiene troppo la palla, Marilungo ne approfitta e serve Koman che da buona posizione spara alto sulla traversa. È l’unica azione del primo tempo. Il Parma sembra aver raccolto l’appello di Crespo e prova a mettere la Samp alle corde. Al 29’ gran contropiededei gialloblu guidato da Candreva che serve Marques sulla corsa, lo spagnolo alza la testa e vede Bojinov sulla destra. Il bulgaro non tira e sbagliacercando di servire l’accorrente Candreva.  

Un minuto dopo Morrone prova a scuotere i suoi con una percussione centrale che culmina con un gran sinistro deviato in angolo. Preme il Parma supportato dai tifosi. Paletta al 36’ stacca su un buon cross di Marques da angolo, il quinto in poco più di mezzora, ma il suo colpo di testa finisce alto di poco. Ancora un colpo di testa, questa volta di Candreva su cross di Zaccardo dalla destra,  un gran  Curciin tuffo sventa la minaccia.  C’è una sola squadra in campo, ha la maglia crociata. Il solito Marques semina il panicosulla sinistra, serve Bojinov che di prima cerca l’inserimento di Dzemaili che è in ritardo di un soffio. Gran primo tempo dei ragazzi di Marino che cercano a tutti i costi quella vittoria che manca dalla prima giornata.

Ripresa che comincia prestissimoper Mirante, che al 1’ deve guardare la punizione di Pazzini sbattere contro la traversa. La risposta del Parma è lesta e arriva con il solito Marques che serve Morrone all’interno dell’areadi rigore. Il capitano prova la spizzata per Antonelli, ma la palla è lunga per il difensore. Bell’inizio di ripresa da parte delle due squadre. Pazzini risponde con un diagonale dalla destra, ma  il pallone si spegne sul fondo. Al 12’ c’è il boato dei Boys, in campo è entrato Hernan Crespo. L’argentino  ha preso il posto di Valiani, con arretramento di Marques dietro e due punte, Crespo appunto e Bojinov.

Ci prova subito Valdanito che sfrutta un buon pallone di Marques a centro area, il suo tentativo di tiro è deviato dalla difesa doriana. Costante l’offensiva del Parma che al 18’ va vicinissimo al gol con Candreva. Cross di Zaccardo dalla destra, Crespo di testa smarca l’ex juventino che cerca il giro sul palo lontano, e per poco non lo trova. Al 20’ sponda di Crespo che libera Morrone per il tiro che finisce alto.  La Samp è viva e lo dimostra con Pazzini al 22’. Leggerezza di Marques, ne approfitta Poli che lancia immediatamente il 10 doriano. Stop di petto e tiroche non trova lo specchio. Lo trova eccome Dzemaili alla mezzora, con un gran destro su cui spuntano i pugni di Curci, sulla ribattuta Crespo spara alto. Ci prova in tutti i modi il Parma, ma la palla sembra non voler entrare. Candreva da venti metri scarica il destro, la palla finisce fuori di poco.

Ma gli dei del calcio sono lassù, sull’iperuranio che osservano tutto e, al 38’ decidono di rendere giustizia al Parma. Bojinov, servito da Zaccardo, dall’interno dell’area, scarica il pallone alle spalle di Curci e va a prendersi il boato della Nord, tutta ai suoi piedi. Esplode Marino, come se fosse stato lui a segnare, abbracciato da Bojinov, esplode il Tardini. Al 46’ Volta prova a rovinare tutto, ma il suo tiro – cross si spegne a lato. Poco dopo è la volta di Mannini, ma il suo tiro viene imbracciato da Mirante. È l’ulimo episodio di una gara intensissima, giocata intermamente in avanti dagli uomini di Marino, che, per ora, conserva la sua panchina e si gode il successo.

DAGLI SPOGLIATOI

Marino: “Ho vissuto con grande intensità la partita. Ero ansioso perché quando manca la vittoria da tanto tempo è brutto. Sono contento soprattutto per il mio presidente che ha avuto una grande fiducia nonostante tutto ciò che succede all’esterno. Lui non fa preavvisi perché è diretto e voglio ringraziarlo per questo. Merita soddisfazioni. Purtroppo quando il risultato non arriva pur giocando bene non si lavora con la giusta serenità. La mia squadra ha dimostrato di saper giocare a calcio. Sono soddisfatto, riacquistiamo fiducia in noi. Il gruppo è unito e la vittoria serviva per riprenderci psicologicamente. Il Bari? È una sfida come tutte le altre. Crespo? Ha fatto bene, l’ho messo vicino a Bojinov  per evitare troppi ripiegamenti. Essersi sbloccati ci renderà meno precipitosi. Il mio gesto? Non era riferito a nessuno”. 


IL TABELLINO

Marcatore: Bojinov (P) al 38’ s.t.

PARMA(4-3-3)
83Mirante, 5Zaccardo, 29Paletta, 6Lucarelli, 3Antonelli, 4Morron (cap) (dal 24’ s.t. Gobbi), 10Dzemaili, 80Valiani (dal 12’ s.t. Crespo), 7Candreva, 86Bojinov (dal 39’ s.t. Angelo), 8Marques.

A disp: 1Pavarini, 51Dellafiore, 24Paci, 26Pisano.

All. Marino

SAMPDORIA 4-4-2

85Curci, 78Zauri (dal 44’ p.t. Volta), 6Lucchini, 28Gastaldello,  5Accardi , 11Koman (dal 25’ s.t. Guberti), 16Poli, (dal 35’ s.t. Dessena) 17Palombo, 7Mannini, 89Marilungo, 10Pazzini.

A disp: 1Da Costa,  3Ziegler, 12Tissone, 9Pozzi.

All. Di Carlo

Arbitro: Sig. Peruzzo  di Schio
Assistenti: Sigg. Ghiandai - Giordano
Ammoniti: Lucchini (S) al 10’ p.t. , Poli (S) al 4’ s.t. ,  Volta (S) al 8’ s.t.

Angoli: 10 – 0
Recupero:  3’ p.t -  4’ s.t.

I MIGLIORI

Paletta: grande prova, riscatta Napoli dove era affondato con tutto il reparto, facendo meno peggio degli altri. Marilungo non la vede mai, prezioso negli anticipi, va anche in attacco, sfiorando il gol di testa.

Antonelli: buona corsa, generoso in avanti, puntuale in difesa, accompagna Marques nelle folate offensive.

Morrone: tira fuori la grinta da capitano, trascina i suoi, quando serve urla, si fa sentire dagli avversari, pressing e sostegno anche in attacco.

Candreva: buona la sua prova, galleggia tra attacco e centrocampo, prova a offrire palloni agli attaccanti, cercando il gol dalla distanza. A volte impreciso, può migliorare.

Marques: se fosse un po’ più concreto, sarebbe perfetto. È un folletto, imprendibile sulla corsa, a volte si fa acchiappare dai difensori sprecandosi in dribbling di troppo. La maggior parte delle azioni portano il suo marchio.

Bojinov: spunta dalla nebbia come un fantasma, segnando il gol che tira fuori il Parma dai guai. Nel primo tempo si è visto poco, per via del lavoro in fase difensiva, ma ha il merito di aver speso tanto.
 

I PEGGIORI
 

Valiani: comincia alla grande, si spegne strada facendo.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Viaggi in Europa: ecco cos'è il passaporto Covid

Attualità

Covid: a Parma quasi 45 mila vaccinazioni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Ponte della Navetta, Alinovi al Ministero: “Aprirlo entro Pasqua”

  • Attualità

    Aree verdi: 250 mila euro per i nuovi giochi bimbi

Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento