menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Sebastian Giovinco, oggi non ha brillato come al solito - Tm News Infophoto

Sebastian Giovinco, oggi non ha brillato come al solito - Tm News Infophoto

Bologna Parma 0-0 | Pavarini tiene a galla un brutto Parma

La squadra di Donadoni fa fatica a costruire e, soprattutto a ripartire. I rossoblu prendono in mano la gara e sfiorano il vantaggio due volte, ma il numero uno crociato si mostra pronto e affidabile

Terzo 0 a 0 consecutivo nel derby della via Emilia. Una pietanza insipida, che a Donadoni poteva fare addirittura indigestione se non era per Pavarini, quasi 38 primavere e non sentirle. Poche, pochissime le occasioni da gol da parte delle due squadre, con il portiere crociato che ne sventa due su tre, su Di Vaio il riflesso degno di nota. Il Parma si vede poco e conferma i limiti della trasferta, ma almeno torna a casa con la porta inviolata. Non segna nemmeno però! L'ultimo gol è arrivato addirittura al Piola di Novara, lo ha segnato un difensore azzurro. Potrà Okaka cancellare le statistiche impietose? E' già in tribuna il rinforzo che Ghirardi e Leonardi hanno regalato al tecnico Donadoni in questo mercato di riparazione. Mentre Okaka si gusta il piatto di mezzogiorno e, inconsapevolmente spinge Crespo verso l'India, Giovinco e compagni sono in campo per cercare di portare a casa il derby della via Emilia. Donadoni sorprende tutti lasciando Biabiany in panchina, al suo posto il cileno Valdes, che ha tutte le caratteristiche per affiancare Floccari e Giovinco nel tridente d'attacco. I fantasisti partono un po' più indietro rispetto alla punta e spesso si cambiano di posizione per non dare punti di riferimento. Dall'altra parte Pioli sente che questo è il suo derby e si affida ad un altro ex, Rubin, lanciato dal primo minuto sulla sinistra. Ramirez va a supporto di Acquafresca e Di Vaio, con Garics e non Crespo dulla fascia destra.

IL MATCH - Succede poco nella prima mezz'ora. La tensione del derby stenta ad allentarsi e provoca confusione soprattutto in mezzo al campo, dove i muscoli e la grinta di Perez e Mudingay, sembrano prevalere su Morrone e Galloppa, che faticano a tenere Ramirez. Il talento rossoblu gioca la sua sfida nella sfida con l'altro talento, Giovinco, non subito nel vivo del gioco. Testimonianza questa, di una squadra che fa fatica a creare lontano dal Tardini e che mostra i limiti di un gruppo che ha perso 6 volte su 8 nei campi avversari. Il Bologna più intraprendente, prende in mano la gara e si affida all'uruguayano che, con le sue accelerazioni, taglia la difesa gialloblu. Infatti la prima palla gol del match porta la sua firma, in coabitazione con quella di Di Vaio che gira di testa un pallone ottimamente lavorato dal compagno sulla sinistra. Pavarini è pronto e sventa la minaccia. Fa fatica a ripartire il Parma, che se non è sotto molto deve al suo portiere. Sul finire del primo tempo, Ramirez diventa incontenibile ma è Mudingay ad andare vicino all'1 a 0. Il suo destro a colpo quasi sicuro viene allontanato ancora da Pavarini, molto reattivo.

La ripresa inizia con un cambio per il Parma, con Donadoni che inserisce Musacci al posto di Morrone che lascia per un problema familiare. Non cambia moltissimo per il Parma che fa sempre fatica a giostrare ed offre facilmente il fianco destro a Ramirez, il migliore in campo. Continua ad attaccare il Bologna, con Mudingay che calcia al volo dopo un tentativo di Portanova, ma Lucarelli si immola e libera. infophoto_2012-01-22_145216956_high_09_01_2012_sv_017600-2Cambia ancora Donadoni, con Biabiany che entra al posto di Valdes poco incisivo. Prova a far quadrato il mister, affidandosi ad un centrocampo a cinque, con Musacci davanti alla difesa e la coppia Valiani-Galloppa al centro. Sugli esterni Gobbi e il francese, che prova a dare incisività all'azione offensiva, davvero poca cosa fin qui. L'arma dei calci piazzati diventa la più gettonata allora e la prima palla gol tinta di gialloblu arriva alla mezz'ora della ripresa, con Floccari che sfrutta uno schema da calcio d'angolo. Il suo colpo di testa sbatte però su Zaccardo, con Gillet bravissimo a deviare sulla traversa. Giovinco, in una giornata anonima, lascia il campo a Palladino, con Donadoni che si affida alla sua frescezza. Ma è ancora il Bologna ad andare vicino al gol, con Di Vaio che spara alto da buona posizione. E' l'ultimo episodio di una gara brutta e senza emozioni.

LE PAGELLE


IL TABELLINO DI BOLOGNA-PARMA 0-0

BOLOGNA 3-4-1-2
1Gillet, 84Raggi, 90Portanova, 5Antonsson, 8Garics, 15Perez, 26Mudingay, 19Rubin, 10Ramirez (dal 36' s. t. 23Diamanti), 99Acquafresca (dal 28' s. t. 77Gimenez), 9Di Vaio
A disp: 25Agliardi, 4Krin, 6Taider, , 33Sorensen, 75Crespo
All. Pioli

PARMA 3-4-2-1
1Pavarini, 5Zaccardo, 29Paletta, 6A. Lucarelli, 80Valiani, 4Morrone (dal 1' s. t. 24Musacci), 8Galloppa, 18Gobbi, 17Valdes (dal 18' s. t.  7Biabiany) , 11Floccari, 10Giovinco
A disp: 92Gallinetta, 3Feltscher, 13Brandao, 22Palladino, 23Modesto
All. Donadoni

Arbitro: Sig. Bergonzi di Genova
Ammoniti: al 23' p. t. Morrone (P), dal 2' s. t. Musacci (P), al 10' s. t. Ramirez (B), al 13' s. t. Giovinco (P), al 24' s. t. Zaccardo (P)
Espulsi:  nessuno

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Ponte Verdi sul Po: chiusura totale domenica 28 febbraio

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Riesplodono i contagi: 164 nuovi casi e 2 morti

  • Cronaca

    Pizzarotti: "Contagi a rimbalzo: dobbiamo tenere duro così"

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento