IL PUNTO

Bosi: "Lo Stadio? Siamo fiduciosi ma il temporaneo condiziona le scelte sul Tardini"

L'assessore allo Sport: "Perché non si è espressa la Conferenza dei Servizi? È necessario che tutti i passi vengano compiuti anche da parte della società, in particolare credo che il tema dello stadio temporaneo legittimamente li condizioni sui tempi di cantiere"

Era attesa a maggio la decisione della Conferenza dei Servizi circa il progetto di restyling dello Stadio Tardini, ma non è arrivata. Probabilmente slitterà ancora con il rischio che i lavori di riammodernamento della nuova casa del Parma si allunghino. Il Club aspetta di capire verso che direzione andare, avendo già depositato tutto quello che è gli stato chiesto. I documenti dovrebbero essere in mano all'Ente e si attendono le risposte alle domande pervenute durante la fase di pubblicazione del progetto. Probabilmente si andrà a luglio, serviranno ancora un paio di settimane. Difficile (ma non impossibile) che il sì arrivi prima. Intanto l'Assessore allo Sport, Marco Bosi, cerca di fare chiarezza sulla questione Stadio. "La conferenza dei Servizi ha espresso pareri tecnici - dice l'ex vice sindaco -, Ci sono ancora alcune ultime questioni da dirimere, limare. Perché, come sappiamo, dai conti dipendono anche questioni relative alla durata della concessione, relative al piano di rientro degli investimenti del Parma. Il Parma però ha anche questioni importanti da sciogliere, come il tema dello stadio provvisorio che, sicuramente, oggi è al centro dei loro pensieri e che inevitabilmente condiziona anche le scelte sul Tardini. Però il dialogo continua a essere molto positivo e siamo ancora fiduciosi.

Perché non si è ancora espressa la Conferenza dei Servizi? I pareri sono tanti e sono tecnici, ma è però l’insieme delle cose che genera poi la possibilità di andare a deliberare. Quindi è necessario che tutti i passi vengano compiuti anche da parte della società, in particolare credo che il tema dello stadio temporaneo legittimamente li condizioni sui tempi di cantiere, perché la conferenza esprime dei pareri tecnici molto precisi che hanno bisogno di informazioni tecniche molto precise. C'è fiducia, ma non è un tema legato ai tempi perché non dipende solo da noi. C’è fiducia che si vada avanti nei tempi che ci siamo detti, perché l’obiettivo sarà quello di arriva a un cantiere il prima possibile, cioè al termine della prossima stagione. Questo era ormai l’obiettivo. Il Parma da tempo aveva dichiarato come la loro volontà fosse quella di giocare la prima stagione nella massima Serie al Tardini. Continuiamo a lavorare con la serenità e la franchezza nei rapporti tra le parti con un obiettivo che comune". 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bosi: "Lo Stadio? Siamo fiduciosi ma il temporaneo condiziona le scelte sul Tardini"
ParmaToday è in caricamento