menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Bruno Alves - foto parmacalcio1913.com

Bruno Alves - foto parmacalcio1913.com

Bruno e l'arte del colpo di testa: "Mi allenavo con mio padre: attaccavamo la palla nel punto più alto"

Su Instagram il portoghese ha postato l'ultimo allenamento: balzi in avanti, elevazione e potenza

Fanno rumore gli allenamenti di Bruno Alves. Al tempo della quarantena sono diventati celebri grazie a Instagram i suoi colpi di petto che mandavano il pallone al muro. Un tuono sordo amplificato dal silenzio che avvolgeva la città. Il capitano del Parma è rimasto in città, ha approfittato per curare il suo corpo e rafforzare l'intesa con il lavoro muscolare, è tornato a Collecchio carichissimo, guida la truppa di Bob e ha programmato il suo cervello in vista della ripresa del campionato. "Siamo tornati ad allenarci la settimana scorsa, abbiamo avuto un giorno libero e adesso ripartiamo. La data - ha detto il capitano a talkSport - in cui dovrebbe ripartire il campionato è quella del 14 giugno. Sono molto felice e spero di poter completare il campionato". Bruno è la certezza dalla quale riparte Roberto D'Aversa, il giocatore che per eccellenza incarna il senso del dovere, la professionalità e la dedizione al lavoro. E' tornato a Collecchio ad allenarsi con la solita carica di sempre, è rimasto anche oltre il dovuto per proseguire il suo programma grazie al supporto dei fisioterapisti che gli dedicano tempo e lavoro per portarlo a un livello massimo di forma. "Dopo due mesi a casa possiamo essere ancora più liberi di fare ciò che amiamo di più - continua il portoghese su talkSport -". Il difensore portoghese, leader negli interventi di testa, è risultato il migliore nei cinque maggiori campionati, con la percentuale più alta negli interventi riusciti. 

Il suo segreto per essere al top e garantire sempre il massimo soprattutto negli interventi aerei nasce da lontano. "Ci sono tre fattori che ti possono aiutare: esperienza, lo stile di gioco della squadra e l’allenamento. Io vengo da una scuola difensiva vecchia maniera, cerco di attaccare sempre la palla. Quindi come parte della mia routine di allenamento faccio una o due sessioni alla settimana concentrate sui colpi di testa. È come per gli attaccanti, se non si allenano sul tiro come possono riuscire a segnare? Quando mi allenavo con mio padre, ci concentravamo su come raggiungere la palla nel punto più alto e nell’attaccarla. È la mentalità della vecchia scuola che mi ha aiutato così tanto". 



 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Temporali e piene dei fiumi: allerta rossa nel parmense

Benessere

I 5 DPI più efficaci per contrastare il Covid-19

Attualità

Erogazione gratuita di farmaci in fascia C: ecco come fare

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento