Bruno e l'arte del colpo di testa: "Mi allenavo con mio padre: attaccavamo la palla nel punto più alto"

Su Instagram il portoghese ha postato l'ultimo allenamento: balzi in avanti, elevazione e potenza

Bruno Alves - foto parmacalcio1913.com

Fanno rumore gli allenamenti di Bruno Alves. Al tempo della quarantena sono diventati celebri grazie a Instagram i suoi colpi di petto che mandavano il pallone al muro. Un tuono sordo amplificato dal silenzio che avvolgeva la città. Il capitano del Parma è rimasto in città, ha approfittato per curare il suo corpo e rafforzare l'intesa con il lavoro muscolare, è tornato a Collecchio carichissimo, guida la truppa di Bob e ha programmato il suo cervello in vista della ripresa del campionato. "Siamo tornati ad allenarci la settimana scorsa, abbiamo avuto un giorno libero e adesso ripartiamo. La data - ha detto il capitano a talkSport - in cui dovrebbe ripartire il campionato è quella del 14 giugno. Sono molto felice e spero di poter completare il campionato". Bruno è la certezza dalla quale riparte Roberto D'Aversa, il giocatore che per eccellenza incarna il senso del dovere, la professionalità e la dedizione al lavoro. E' tornato a Collecchio ad allenarsi con la solita carica di sempre, è rimasto anche oltre il dovuto per proseguire il suo programma grazie al supporto dei fisioterapisti che gli dedicano tempo e lavoro per portarlo a un livello massimo di forma. "Dopo due mesi a casa possiamo essere ancora più liberi di fare ciò che amiamo di più - continua il portoghese su talkSport -". Il difensore portoghese, leader negli interventi di testa, è risultato il migliore nei cinque maggiori campionati, con la percentuale più alta negli interventi riusciti. 

Il suo segreto per essere al top e garantire sempre il massimo soprattutto negli interventi aerei nasce da lontano. "Ci sono tre fattori che ti possono aiutare: esperienza, lo stile di gioco della squadra e l’allenamento. Io vengo da una scuola difensiva vecchia maniera, cerco di attaccare sempre la palla. Quindi come parte della mia routine di allenamento faccio una o due sessioni alla settimana concentrate sui colpi di testa. È come per gli attaccanti, se non si allenano sul tiro come possono riuscire a segnare? Quando mi allenavo con mio padre, ci concentravamo su come raggiungere la palla nel punto più alto e nell’attaccarla. È la mentalità della vecchia scuola che mi ha aiutato così tanto". 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...



 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Blitz contro gli assembramenti: chiuso un locale in via Emilio Lepido

  • Choc a Bedonia, lite per un muretto: 63enne uccide il vicino di casa 70enne fracassandogli il cranio

  • Calabria, Pizzarotti sullo spot che attacca il Nord: "Non dirò mai venite a Parma paragonandola ad altre città"

  • Affittano una casa al mare ma la trovano occupata: coppia di Felino truffata via internet

  • Trovato il corpo del 18enne parmigiano annegato in mare

  • Maxi evasione dell'Iva: la Finanza sequestra 12 milioni di euro a due cooperative del gruppo Taddei

Torna su
ParmaToday è in caricamento