rotate-mobile
Lunedì, 6 Dicembre 2021
Calcio

Il Parma si butta via: riacciuffato al 91' da Colombo

Non basta il doppio vantaggio di Tuitino e Vazquez, che verrà poi espulso per una manata a Esposito che lo aveva a lungo trattenuto. Punizione di Viviani accorcia grazie alla deviazione di Brunetta. Arriva alla fine la beffa con un super gol dell'ex Milan

Dal nostro inviato
FERRARA - 

 Il Parma si butta via, in nove minuti sciupa un doppio vantaggio, perde ancora Vazquez per la seconda espulsione e pure due punti che sarebbero stati oro per la classifica. Il doppio vantaggio firmato Tutino-Mudo, viene vanificato in pochissimo tempo, con una rete di Viviani, su deviazione di Brunetta, e un gol magistrale di Colombo. 

Maresca non cambia, con la Spal scende in campo la stessa formazione che ha stoppato il Pisa capolista, per cercare di dare continuità a un gruppo che sta lavorando per trovare un’identità. Juric stringe i denti, Dopo la botta che lo ha messo ko contro il Pisa, il croato sembra essersi ripeso alla grande, nonostante pochissimi allenamenti con la squadra durante la settimana. Brunetta trasloca sulla linea degli attaccanti, mentre la prima punta la fa Tutino, con Mihaila pronto a dare sfogo alla sua corsa.

La Spal è pericolosa soprattutto sulla parte di Latte Lath. Brunetta deve stare attento alle incursioni dell’esterno. A destra Crociata trova spesso il sostegno di Dickmann. Colombo però è troppo solo, il possesso Spal converge spesso sugli esterni senza impegnare la punta. Ma il predominio territoriale dei padroni di casa, che si traduce in ampiezza. In mezzo al campo la partita può avere tanti padroni, Viviano meglio di Schiattarella, che però è prezioso come sempre. Dopo un paio di spaventi, dovuti a un paio di svarioni difensivi, tocca a Tutino timbrare il cartellino, con un tiro che si insacca alle spalle di Thiam. Leggera deviazione che inganna il portiere. Il ritmo è basso, il Parma sembra amministrare, ma la Spal mette fuori la testa con Colombo che si guadagna una bella occasione: murato da Juric. Partita abbastanza ferma, più tattica del solito. Un paio di tiri da fuori disinnescati da Buffon, con i padroni di casa più in palla e il Parma che ha sfruttato al massimo l’unica occasione con il gol.

Nel secondo tempo la Spal parte più forte. Prova subito a trovare il pareggio con Tripaldelli che se lo divora. Ma un attimo prima aveva fatto peggio Mihaila, che aveva strappato in maniera incontenibile, sbagliando per la cosa più semplice: il gol da due passi. Maresca non ci crede,  capisce che forse è il momento di mettere forze fresche in campo, e rinuncia proprio al romeno e a Juric, per Busi e Sohm. Il tempo passa e la tensione si alza, a farne le spese è Clotet, espulso per proteste dopo un giallo a un suo uomo. I suoi tengono bene il campo, ma i guizzi del Parma stasera sono letali. E su uno di questi, il secondo a dire la verità, allunga le distanze con un piatto preciso di Vazquez. Con il minimo sforzo, la massima resa. Viviani prova a regalare al Mazza un altro finale di partita, con una punizione sporcata da Brunetta. E’ la scintilla che fa scoppiare l’incendio: perché Colombo al 91’ insacca in maniera magistrale. Il Parma sciupa il doppio vantaggio in nove minuti e resta impantanato in una classifica che non può piacere.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il Parma si butta via: riacciuffato al 91' da Colombo

ParmaToday è in caricamento