rotate-mobile
Lunedì, 6 Dicembre 2021
Calcio

Vigilia contro il Cosenza, Maresca: "Avversario tosto, manchiamo di carattere"

Il tecnico del Parma in conferenza stampa: "La classifica è così corta che dobbiamo focalizzarci bene su quello che è il nostro percorso.  Per la partita contro il Cosenza, Vazquez, Schiattarella, Tutino e Benek sono in dubbio, non sono al 100%"

Dal nostro inviato
COLLECCHIO - "C’è lo spirito giusto, veniamo da una sconfitta brutta, un blackout completo. Ma abbiamo davanti una vita". Enzo Maresca prova a guardare lontano. Nel momentaccio del Parma, la classifica resta pur sempre l'ultimo appiglio al quale aggrapparsi. E' corta, ci sono tante squadre racchiuse in una manciata di punti e il Parma è appena dietro.  "Ci mancherebbe che ci fermassimo - ha detto l'allenatore crociato in conferenza -. Quella di Lecce è stata una brutta sconfitta, ma dobbiamo reagire in fretta. I tifosi sono fondamentali, l’ho detto anche in settimana. Come dico sempre ai ragazzi che tocca a noi avvicinare i tifosi, attraverso i risultati. Anche se ci sono stati sempre vicino, devo dire.

Noi dobbiamo migliorare, soprattutto nell’ultimo terzo di campo. Se analizziamo gara per gara vediamo che abbiamo avuto le nostre occasioni. C’è però da migliorare. Bisogna ripartire da quello che di buono avevamo fatto prima di Lecce.  Per vari motivi ci sono diverse squadre che sono avanti a noi per processo di crescita. Chi perché ha cominciato prima, chi perché ha cambiato poco, questo però non toglie che noi dobbiamo capire quello che non funziona, cercando di avvicinarci a loro e colmare questo gap. Serve stare lì, attaccati alle altre, e crescere. Ora sembra tutto diventato difficile, ma la classifica è molto corta, e dobbiamo focalizzarci sulla nostra crescita. Il mercato? Sembra vicino, ma ci sono ben otto gare da qui al mercato di gennaio. Otto gare è praticamente un mondo, e in questo momento tra noi e la prima ci sono solo otto punti. Fra otto gare vedremo se ci saremo avvicinati o se il gap sarà aumentato, questo ce lo diranno solamente le prossime partite. Le idee comunque ci sono già, cercheremo di capire dove intervenire".

Non solo in qualità di uomini: c'è probabilmente il bisogno di serrare le fila e puntare anche su qualcuno che sappia gestire il pallone quando scotta. "La gara di Lecce non è l’unica in cui abbiamo mostrato limiti caratteriali - dice Maresca -. Ci è mancato qualcosa dal punto di vista del coraggio, più della metà dei ragazzi che abbiamo non hanno proprio idea di dove stiamo andando dal punto di vista del ‘calore umano’. Tanti ambienti sono fatti di 'calci e morsi', come si dice. Serve stare attaccati al treno, crescere e lavorare. La classifica è così corta che dobbiamo focalizzarci bene su quello che è il nostro percorso.  Per la partita contro il Cosenza, Vazquez, Schiattarella, Tutino e Benek sono in dubbio, non sono al 100%. E questo è un problema. Conosco bene Zaffaroni, un allenatore che stimo. Sta facendo bene. Non è facile affrontare il Cosenza, non bisogna aver fretta di sbloccare la partita subito,  bisogna provare a vincerla con le nostre idee. E' una squadra che non concede tanto, si difende benissimo. Non sarà facile sbloccare il risultato domani".

Domani è anche il giorno di Buffon, in un salto all'indietro lungo 26 anni. "Speriamo di regalargli la vittoria, sarebbe positiva per tutto l’ambiente Parma. È stato ribadito l’obiettivo della Serie A, noi siamo qui per giocarci le nostre carte".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vigilia contro il Cosenza, Maresca: "Avversario tosto, manchiamo di carattere"

ParmaToday è in caricamento