Calciomercato, il Parma a caccia di una punta. Gabbiadini è il profilo giusto, l'agente: "Piazza che piace"

Con Amauri indeciso sul da farsi, Palladino sempre a mezzo servizio, Biabiany attratto dalle sirene tedesche, e non solo, il giocatore a metà tra Juve e Atalanta potrebbe accendere il mercato gialloblù

Manolo Gabbiadini con la maglia del Bologna - TM News Infophoto

La classica apertura. Quella di Silvio Pagliari, agente di Manolo Gabbiadini, può essere interpretata proprio in questo modo. Non di più perché mancano dei mesi all'apertura ufficiale della fiera del mercato. Intanto il Parma ci pensa. Ci aveva già pensato, a dire la verità, ma poi si è voluto virare su altri lidi. È con risultati anche discreti, bisogna dire. Risultati che inevitabilmente hanno messo a repentaglio la permanenza di gente come Belfodil, sugli scudi per tutto il girone di andata, sulle spine da qualche tempo, per via delle sue intemperanze condite da qualche acciacco. Un caratterino niente male quello del campione franco-algerino preso di mira anche dal tecnico dell'Algeria secondo il quale Ishak sarebbe reo di tentennare nella scelta della Nazionale. Il ragazzo preferisce la Francia ma conosce anche i rischi che lì andrebbe a correre al cospetto di gente come Benzema e compagnia. Il suo nome è sui taccuini di mezza A, senza parlare dei consensi di cui gode anche altrove. È chiaro che al giro di boa Leonardi dovrà parlarne con l'entourage del calciatore per fare chiarezza. Chiarezza va fatta anche intorno a Biabiany. Con una situazione simile a quella di Belfodil, l'esterno francese è graditissimo in Germania, ma anche nel nostro campionato. Ultima tentazione del diavolo rossonero, al Milan piace e se dovesse pervenire un'offerta ufficiale (per ora solo sondaggi) da parte di Galliani, beh, sarebbe difficile trattenerlo. Palladino ha meno estimatori ma le sue condizioni fisiche minano la permanenza nel Ducato.

STRATEGIE - La situazione è questa e per non farsi trovare imprepatato, Leonardi cerca di prevenire e si guarda attorno per consegnare nelle mani del tecnico un parco attaccanti competitivo. Gabbiadini è un giocatore a metà tra Atalanta e Juventus, i bianconeri ne hanno acquistato la metà per ben 5,5 milioni ma difficilmente lo riscatteranno. Almeno per ora. Silvio Pagliari, agente del calciatore, sa che il Parma lo segue. "Siamo a conoscenza dell'interesse dei gialloblù da qualche tempo - ha dichiarato a Parmatoday.it -. Sappiamo che a Leonardi piace ma al momento è presto per parlare di trattative. Anche se Parma è una piazza che non escludiamo. Un ambiente che piace, ma per adesso non possiamo dire di più". Un apertura basta in questi periodi, dà coraggio. La Juventus, e non è un mistero, vorrebbe mettere le mani su Belfodil, lo aveva già cercato nel mercato di riparazione ma senza esito positivo. Il Parma vuole monetizzare dall'eventuale cessione del franco-algerino. Un conguaglio economico più un giocatore ( più facile a questo punto che sia Gabbiadini che la Juve riscatterebbe dall'Atalanta per poi girarlo al Parma nell'operazione Belfodil e non Quagliarella, come richiesto provocatoriamente da Leonardi a gennaio). Questa la richiesta del Parma per lasciar partire il Ishak, valutato intorno ai 20 milioni di euro.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

CAPITOLO RENZETTI - Il Parma si è messo a posto sul binario di sinistra, ha comprato Mesbah e ha Gobbi. Prima aveva seguito Renzetti del Padova, con il giocatore che va in scadenza a giugno di questo anno. Al momento non ha rinnovato e non pare sia intenzionato a farlo e vorrebbe cambiare aria, soprattutto se la società veneta non dovesse approdare in A, via playoff. Obiettivo difficilissimo da raggiungere. Conosce l'interesse del Parma e si sente pronto per fare il salto di qualità. Tradotto: verrebbe di corsa al Parma, ma se si aspetta troppo c'è il rischio che si inserisca qualche altra squadra nella corsa al mancino.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Referendum del 20 e 21 settembre: tutte le informazioni sul voto

  • Covid: a Parma sei positività tra il personale scolastico

  • Il Covid torna ad uccidere: muore una donna

  • Il Babbo più Bello d'Italia è il parmigiano Alessio Chiriani 

  • Aereo precipita a Cremona: muore il pilota 54enne di Fontevivo

  • I Nas di Parma fanno chiudere un bar con il 100% dei lavoratori in nero

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento