Calciomercato | Il Wolfsburg pensa a Inglese

La trattativa non è ancora decollata, ma le manifestazioni di interesse ci sono: il Parma risparmierebbe l'ingaggio e la cifra del riscatto obbligatorio

Roberto Inglese - foto Ansa

Roberto Inglese spera di vivere da protagonista il finale di stagione. Il suo rientro in gruppo, al netto dei miglioramenti, sta avvenendo in maniera graduale. L’infortunio è stato pesante e per smaltirlo ci vorrà del tempo, ma il lockdown e la forzata chiusura hanno ‘allungato’ i tempi permettendo al centravanti di poter tornare in campo per questo campionato e non per il prossimo. In attesa che si formalizzi il suo ritorno nella lista dei convocati, il Parma si gode Cornelius e incassa la manifestazione di interesse da parte del Wolfsburg, club di Bundesliga che ha messo gli occhi addosso all’ex Napoli. Il giocatore è in prestito al Parma con l’obbligo di riscatto da esercitare a fine stagione e con un pagamento dilazionato negli anni. I tedeschi, che valutano attentamente quello che succede intorno a Inglese, hanno preso le prime informazioni e chissà che – in queste settimane di campionato – non possano vederlo all’opera. L'interesse nei suoi confronti da parte dei tedeschi è deciso, ma il punto interrogativo sulle condizioni fisiche c'è. Se il centravanti e il club tedesco dovessero convolare a nozze, il Parma risparmierebbe circa 22 milioni di euro per il riscatto obbligatorio da versare nelle casse del Napoli (in pagamenti dilazionati) più 1 milione e 400 mila euro al giocatore, sotto contratto fino al 2024.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I ristoratori si ribellano: "Il 15 gennaio apriremo nonostante i divieti"

  • Le regole dopo il 15 gennaio: ecco quando si potrà andare a trovare parenti e amici

  • Ecco cosa si può fare da lunedì 11 gennaio a Parma

  • Via al decreto gennaio, restrizioni fino a marzo: vietato uscire dalla regione, solo in due dagli amici

  • Parma scongiura la zona rossa

  • Dal 16 gennaio Parma rischia la zona rossa

Torna su
ParmaToday è in caricamento