menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Marco Parolo (@Infophoto)

Marco Parolo (@Infophoto)

Calciomercato - "Per Parolo nessuna richiesta ufficiale"

Marin, ds del Cesena nega che i crociati abbiano chiesto il centrocampista ai romagnoli: "Non capisco da dove sia uscita questa balla. Abbiamo solo scambiato due chiacchiere"

Il Cesena e il Parma si sono incontrati per risolvere alcune comproprietà e, ipoteticamente, intavolare un discorso per il centrocampista bianconero Marco Parolo. Niente di ufficiale, s'intenda, ma quella "volpe" di Leonardi ha effettuato un sondaggio, si è informato sul ragazzo cercato anche nella scorsa sessione di mercato, ma inutilmente. Il Cesena ha pensato di trattenerlo "per arrivare alla salvezza, ma non è andata così e siamo retrocessi". 

PER PAROLO NON C'E' NULLA DI CONCRETO - Chi parla è Maurizio Marin, direttore sportivo del Cesena. Lui ha partecipato all'incontro, "So quello che ci siamo detti e posso dire che di Parolo non abbiamo parlato, se non a livello generale. Abbiamo fatto la panoramica della situazione e nel discorso c'è finito anche lui. Poi da qua dire che ce lo hanno chiesto mi sembra azzardato". E dire che lo davano per affare quasi fatto."Non riesco - spiega Marin ai microfoni di parmatoday.it - a capire cosa abbia portato a quella conclusione. Ho letto alcune cose non vere. In situaIoni come questa si fa in fretta a scrivere cose del genere, ma posso dire che non c'è nulla di vero. Parolo è un giocatore importante che quest'anno non ha giocato come sapeva. La squadra ha vissuto un'annata particolare e non va valutata per solo per quello che ha fatto vedere". Il calciatore, che ha un contratto con il Cesena fino al 2015,  solo poco tempo fa era nel giro della nazionale, tante squadre lo hanno cercato: Lazio, Inter, Roma. "Normale - dice il ds - che un giocatore con le sue caratteristiche piaccia a tanti. Può fare sia la mezz'ala che il centrocampista centrale, si adatterebbe bene al modulo del Parma, ma questo non vuol dire che che ci sia una trattativa. Parolo è importante per noi, ma come tutte le squadre, se arriva qualche offerta, la valutiamo. Di certo non lo svendiamo, anche se il suo valore economico non è lo stesso". L'avviso del ds mette in guardia il Parma che, prima di imbastire una trattativa qualsiasi, ha l'urgenza di sbrigare la questione Giovinco. Intanto Marin ha aperto a una possibile pista, facendo capire che difficilmente sarà trattenuto in bianconero. Il giocatore, valutato intorno ai 5 milioni, potrebbe aver risentito della stagione difficile e, come dice Marin, "il suo prezzo potrebbe essere più basso rispetto a qualche tempo fa. Non lo svendiamo di certo, ma sono cose che fanno parte del gioco". Un invito a trattare dunque quello che Marin rivolge ai crociati. Parolo rispetta l'identikit dell'acquisto ideale a centrocampo che i gialloblu cercano da tempo. Leonardi ha fiutato che la preda può essere cacciata, ora si attendono le mosse.. 

EREDE DI GIOVINCO? - Intanto, da un possibile acquisto, a un giocatore che il Parma ha bloccato già lo scorso anno. Si tratta di Ninis che alla prima uscita Europea con la sua Grecia, nella gara pareggiata 1-1 con la Polonia, non ha certo brillato. La sua gara, un tempo solo, ha regalato colpi di taco e giocate da solista. Il talento greco non è stato mai pericoloso e ha sciupato diverse occasioni per ripartire, costringendo il tecnico a sostituirlo con Salpingidis. Come inizio nulla di promettente, ma gli va dato il giusto tempo, "non è da questi particolari che si giudica un giocatore".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Zone rosse e arancioni per altri due mesi: Parma a rischio

Attualità

Temporali e piene dei fiumi: allerta rossa nel parmense

Attualità

E' morto Rocco Caccavari: il ricordo di Lenz Fondazione

Ultime di Oggi
  • Sport

    Al Tardini passa la Samp, il Parma è fermo al palo e a 13

  • Cronaca

    Coronavirus, a Parma 58 casi e 2 decessi

  • Cronaca

    Allerta meteo, monitoraggio fiume e corsi d'acqua

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento