menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Daniele Faggiano - foto D. Fornari

Daniele Faggiano - foto D. Fornari

Parma, il colpo di ... Coda che non c'è. Fatta per Da Cruz

Dopo Vacca, Faggiano mette a segno un altro colpo: arriva dal Novara il giovane olandese che può ricoprire tutti i ruoli nel tridente d'attacco. Coda avrebbe rifiutato i crociati

Il mercato del Parma si sta finalmente delineando. Dopo aver praticamente messo a segno il colpo a centrocampo, con l'arrivo di Antonio Vacca (leggi qui) a un passo, Daniele Faggiano ha praticamente chiuso per l'attaccante olandese Alessio Da Cruz, classe 1997 che milita nel Novara di Eugenio Corini. L'operazione è quasi conclusa, come per Vacca, anche per l'attaccante manca ormai solamente l'ufficialità per un investimento che si aggira intorno ai due milioni di euro. Giocatore duttile, può ricoprire più ruoli nel reparto offensivo. Dà il meglio di sè come punta centrale, ma grazie alle sue doti fisiche può fare anche l'esterno. Sia a destra che a sinistra nel tridente. Buona tecnica, corporatura da granatiere, all'andata quando Corini lo ha fatto giocare dall’inizio (il Novara era sotto grazie al gol di Barillà), ha messo in grande difficoltà la retroguardia crociata che ha sofferto non sono sulle palle alte. Bruciata dunque la concorrenza di Arsenal e Atalanta, che avevano messo gli occhi sul giocatore da tanto tempo e stavano lavorando per piazzare il colpo. L'investimento in prospettiva per cui la proprietà dovrà sborsare (non tutti e subito) una cifra vicina ai due milioni di euro, potrebbe anche escludere l'approdo di un attaccante dal nome altisonante, visti i recuperi ormai prossimi di Ceravolo e Calaiò che hanno cominciato a lavorare dal 3 gennaio e che si aggregheranno al gruppo a partire probabilmente dall'8 gennaio, quando comincerà il ritiro di Collecchio.

Coda non vuole lasciare Benevento

Dove non dovrebbe arrivare Massimo Coda, che nelle ultime due partite ha segnato tre gol e ha messo a segno un assist vincente nella partita contro la Sampdoria, vinta dal Benevento per 3-2. Diventato il simbolo del momento d'oro delle streghe, Massimo Coda - che fino a due giornate fa era disposto a tornare al Parma - dovrebbe essere premiato anche con un adeguamento di contratto dal presidente Vigorito che cercherà di accontentarlo. La volontà del giocatore è quella di rimanere in Campania, senza stravolgere questa seconda parte di stagione che lo potrebbe vedere protagonista con la maglia giallorossa. E a Faggiano non resterebbe che riprovarci con Alessandro Matri, attaccante con il quale era già pronto tutto la scorsa estate. Però portarsi dentro un giocatore di 33 anni che accetterebbe solo un triennale con un ingaggio di 1 milione di euro a stagione, forse potrebbe non essere possibile per le casse di un Parma che ha speso già molto nel mercato estivo. Ma la società, che ha garantito la massima  disponibilità anche dal punto di vista economico, è vicina al direttore sportivo che deve accontentare le richieste dell'allenatore laddove è possibile. Ultima richiesta di D'Aversa è Riccardo Fiamozzi, terzino destro che arriverebbe dal Genoa - che ne detiene il cartellino - via Bari, dove attualmente il terzino sta giocando. 

-> Tutti i risultati sportivi dei campionati locali

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

"Lunedì Parma e l'Emilia Romagna in zona gialla"

Attualità

Festa di Liberazione: ecco il programma del 25 aprile a Parma

Ultime di Oggi
  • Attualità

    "Lunedì Parma e l'Emilia Romagna in zona gialla"

  • Cronaca

    Covid: novanta nuovi casi e un decesso

  • Attualità

    Vaccino: entro fine mese in arrivo 354mila dosi

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento