rotate-mobile
Giovedì, 11 Agosto 2022
Sport

Parma, da Rossi a Toni Calvo: dieci anni di mercato di riparazione

Top e flop di un mese di trattative pericolose

Il mercato di riparazione è sempre pericoloso. Una roba del genere la disse Daniele Faggiano nel giorno della sua presentazione ufficiale. Andare a toccare una squadra che adesso funziona bene è rischioso, sia con dei movimenti in entrata che in uscita. Contando gli ‘esuberi’, che il Parma deve smaltire per forza, i qualcuno uscirà inevitabilmente. Ma quelli che entreranno dovranno essere dei giocatori motivati e importanti, che sappiano dare un’impronta subito a una squadra che vuole vincere il campionato e che si è riscoperta forte dopo l’avvento di mister D’Aversa che ha messo al posto giusto i tasselli giusti. Che si è adattato e che adesso chiede, per esprimere il suo calcio, tre o quattro rinforzi. Con delle caratteristiche importanti e funzionali al suo gioco. Non è sempre facile fare questo tipo di operazioni, perché il tempo a disposizione è poco e la pressione tanta. Per questo, il ds Faggiano e i suoi dovranno fare un lavoro di ricerca e selezione tale da poter portare al Parma un valore aggiunto subito. Che non sia facile il mercato di riparazione lo dice la storia. Tutte le squadre, dalla A alla D,hanno avuto dei problemi con le trattative invernali. Anche il Parma. Ripercorriamo la storia degli ultimi dieci anni di campagna acquisti.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Parma, da Rossi a Toni Calvo: dieci anni di mercato di riparazione

ParmaToday è in caricamento