menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Gianni Munari con Simone Edera - foto parmatoday.it

Gianni Munari con Simone Edera - foto parmatoday.it

Parma, ecco Munari: "Voglio riportare questa squadra in Serie A"

Dopo Matteo Scozzarella, un nuovo tassello a centrocampo per D'Aversa: "Non ho mai avuto dubbi sulla scelta. Ho guardato il derby con Dessena in camera, tifavo Parma". Con lui anche Simone Edera: "Grazie Venezia, ma ora lotto per questi colori"

Dal nostro inviato

COLLECCHIO - Il centrocampo è a posto. Con l'arrivo di un regista (Scozzarella dal Trapani) e il ritorno alla base di Gianni Munari, mezz'ala di sostanza, il Parma ha rimesso a posto il reparto e dato fosforo e muscoli alla mediana che ere carente sotto questo punto di vista. "Siamo riusciti a partorire questa trattativa, il giocatore ha espresso gradimento per questo progetto e lo ringraziamo. Ha scelto Parma e non ha avuto dubbi. Siamo felici di avere in rosa sia Gianni che Simone - dice Faggiano che si coccola nel frattempo anche l'altro acquisto di una squadra quasi a posto adesso e che lavora soprattutto in uscita". Capitolo difesa: "Vediamo che succede. Dobbiamo averne sedici in lista, c'è anche Giorgino ad esempio che può giocare in quella posizione, oppure Munari. Dobbiamo fare i conti con questa lista, perché in uscita abbiamo fatto solo Melandri. Quando c'è di mezzo il calciatore, il suo agente e l'ambizione di rimanere a Parma non è facile trattare e cedere". 

GIANNI E' TORNATO - E' arrivato in tuta, forse fiaccato dal viaggio. A Cagliari ha lasciato un ottimo ricordo, a Parma cercherà di farsi apprezzare ancora di più rispetto a quello che ha fatto circa tre anni fa, "quando abbiamo conquistato un Europa League, cancellata da fatti extrasportivi, poi tutti sanno cosa è successo. Io ho un sogno: riportare questo Parma dove merita, sarebbe la ciliegina sulla torta. Essere tra due anni in Serie A sarebbe comunque fare una cosa importantissima per una città che mi ha dato tanto e per me. Devo ritagliarmi lo spazio giusto, c'è un gruppo compatto e coeso qua che ha fatto tanto. Cercheremo di essere gruppo perché i campionati si vincono solo così. Convinto dal progetto, dal direttore e dalla società. Sappiamo che questo Parma può arrivare in alto, ho un grande ricordo di questa città e di questa squadra, penso di ritrovare un grande club, spero di poter dare molto di più rispetto alla mia prima avventura in questa squadra. Ho seguito il Parma da lontano, anche il derby ho visto, avevo parlato con il direttore prima del derby che abbiamo visto in quattro o cinque in televisione. Eravamo in ritiro e c'era anche Dessena che faceva il tifo con me. Avevo fatto quasi tutto prima della partita di Reggio Emilia, ho rifiutato qualche squadra di Serie B perché avevo già un accordo con il Parma, a cui avevo dato la priorità. Adesso voglio rimettermi in gioco, la società e il direttore vogliono vincere fin da subito, questo è fondamentale e mi dà tanta forza. Mi piace molto rimettermi in gioco, ho lasciato la A per venire in C, sono esperto di questi passaggi all'indietro, ho vinto qualche campionato e questa è un'avventura stimolante per chi fa questo mestiere e per chi vuole vincere. Preferisco un campionato vinto in B che una salvezza in Serie A".WhatsApp Image 2017-01-16 at 18.15.07-2 

EDERA: "GRAZIE VENEZIA, MA... " - Con Gianni Munari e Daniele Faggiano c'era anche Simone Edera, visibilmente emozionato: "A Venezia ho intrapreso un percorso dato che era il mio primo anno fuori di casa, sono molto giovane ma nonostante tutto sono riuscito a ritagliarmi il mio spazio, ci sono state delle complicazioni. Ringrazio il Venezia per l'opportunità che mi ha dato, adesso sono qua a dimostrare il mio valore. Sono un esterno destro che può giocare anche a sinistra, a piede invertito, preferisco giocare in questa posizione, mi piace puntare l'uomo, sul lungo soprattutto e andare via in contropiede. Devo migliorare la fase difensiva, perché è una lacuna che ho. Ho debuttato l'anno scorso a Roma, grazie al Torino che ha sempre creduto in me, lo scorso anno mi ha lanciato quando era già salvo, devo molto ai granata. Cosa mi è mancato per fare bene a Venezia? La cattiveria, cercherò di recuperare quanto ho perso". 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Covid: 125 nuovi contagi e un morto

  • Cronaca

    Parma da oggi in zona arancione

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento