menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

MERCATO - Parma, la Roma stufa di Allegri, non ha dimenticato Donadoni

I dubbi del rossonero fanno sbottare la dirigenza capitolina, alla ricerca di una guida tecnica. Pista estera più plausibile, ma un contatto con il tecnico lombardo ci sarebbe stato. Intanto l'agente di Pabon in sede per discutere la cessione

Li avevamo lasciati così, Donadoni, Ghirardi e Leonardi, punti fermi di una squadra da migliorare nel segno delle ambizioni. Crediamo di poterli ritrovare nello stesso modo tra qualche mese. A più riprese il Parma ha ostentato una certa sicurezza nel far passare messaggi "colorati" di continuità e di belle intenzioni, di programmazione seria e duratura, di un progetto che porta la firma di Donadoni su un contratto che scade tra qualche anno (2015), con buona pace di qualche interesse che fa piacere, innegabile. Li avevamo lasciati in sintonia totale, con un ritiro programmato nei minimi dettagli in un centro sportivo d'avanguardia, con una campagna acquisti costruita in base al suo modo di intendere il calcio. Il calcio che a volte è fatto di promesse e di parole, che valgono più delle firme. Donadoni è uomo di parola, professionista serio e zelante, un perfezionista ambizioso, come spesso detto da lui. Ambizione che passa da Parma, e che resta, si spera, nel Ducato perché le intenzioni della proprietà sono serie, proprio come il diretto interessato. Ma spesso le cose si evolvono in maniera rapida e c'è il rischio che ti possa trovare all'interno di un vortice senza neppure l'intenzione di volerci stare. Ed è un po' quello che sta succedendo a Donadoni, entrato di diritto tra i papabili successori di Allegri, destinato alla Roma. Ma le cose, come detto, si evolvono in fretta e se fino a qualche ora fa Allegri sembrava lontano dal Milan, con la valigia pronta per essere disfatta in capitale, ad oggi non è così sicuro che il tecnico livornese possa lasciare. L'indecisione di Allegri è stata interpretata dalla Roma come un tentativo di voler continuare ad essere rossonero, che equivale a fare del giallorosso una seconda scelta. Tutto questo mentre Baldini e Sabatini tracciavano le basi per costruire qualcosa di concreto con Max. Ma i suoi dubbi e tutto il contorno di una situazione che tarda a definirsi, avrebbero fatto saltare i nervi alla dirigenza romana che nei giorni scorsi si sarebbe fatta viva per sondare la disponibilità di Donadoni. Addirittura ci sarebbe stato anche un contatto tra le parti con Donadoni che si sarebbe fermato ad ascoltare la proposta. Certo il salto in avanti sarebbe un balzo di quelli belli... Ma noi che li abbiamo lasciati così, vogliamo ritrovarli così. 

MERCATO - Ma non è solo Donadoni a essere al centro di voci, che sembrano essere solo tali. L'interesse per il Parma si manifesta anche intorno ai giocatori. Belfodil su tutti. L'Inter sta cercando di intavolare un discorso preciso, vuole capire quali siano le contropartite da inserire nella possibile trattativa perché un esborso economico come quello che richiede il Parma è difficile da coprire. Inoltre la situazione societaria con possibili ingressi di soci esteri deve essere definita in fretta. Ma c'è il rischio che Belfodil possa essere rapito da una grande del campionato inglese. Leonardi a breve volerà in Gran Bretagna, destinazione Liverpool  presumibilmente per ascoltare la richiesta nei confronti del calciatore. Anche Sansone è entrato nell'interesse dell'Arsenal, il silenzio del suo entourage, per farlo rimanere tranquillo in vista dell'Europeo Under 21, confermano i sospetti, con il Parma che sarà disposto a sacrificare solo uno dei suoi talenti, a meno di offerte clamorose. Intanto si sta perfezionando la cessione di Pabon al Monterrey, società messicana pronto ad accoglierlo. Calleri, agente del calciatore, è stato avvistato in sede a parlare con Preiti e Leonardi, uomini mercato. Assieme a loro anche Alessandro Moggi, agente tra i tanti di Zaccardo. Coincidenza o nostalgia?

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Inquinamento: via libera ai diesel Euro 4 fino a lunedì 8 marzo

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Covid: più di 200 casi ma nessun decesso

  • Cronaca

    Vaccini anti-Covid, a Parma superata quota 50.000

  • Cronaca

    Confartigianato: "A disposizione le nostre sedi per le vaccinazioni"

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento