Cassani a Parma Channel: 'Dobbiamo essere ambiziosi, non presuntuosi'

Con la saggezza che lo contraddistingue, oggi ha analizzato a Parma Channel il momento attuale e la prossima partita con la Fiorentina, che per lui sarà la gara dell'ex

Mattia Cassani gioca nel Parma con la sicurezza di un veterano, pur essendo qui solo da 6 mesi. Anche a Bergamo, il numero 2 crociato è stato tra i grandi protagonisti della vittoria, risultando decisivo sia in fase difensiva sia in fase offensiva. Il primo gol, ad esempio, nasce da un'azione sulla sua fascia di continuità.

Con la saggezza che lo contraddistingue, oggi ha analizzato a Parma Channel il momento attuale e la prossima partita con la Fiorentina, che per lui sarà la gara dell'ex: "Domenica abbiamo dato continuità alle nostre recenti prestazioni, siamo partiti un po' impacciati con qualche occasione capitata sui loro piedi, poi abbiamo macinato gioco occupando bene il campo e siamo tornati da Bergamo con 3 punti pesanti e fondamentali per la nostra crescita. Questa squadra ormai ha una impronta ben definita, se la va a giocare sempre a testa alta su tutti i campi".

Ora la Fiorentina, che domani sarà impegnata in Europa League. Proprio l'impegno continentale obbligherà le squadre al posticipo lunedì sera: "La Coppa porta via energie fisiche e mentali, ma se arriverà una vittoria ripartiranno con grande entusiasmo. Hanno una rosa ampia, di qualità, tale da permettere una rotazione importante. Possono permettersi di non tralasciare nessun obiettivo, per noi è una gara importante, delicata, non decisiva. Stiamo preparandoci bene già da oggi".

La classifica? "Dobbiamo essere ambiziosi ma non presuntuosi - continua Cassani - affrontando una partita alla volta con senso di appartenenza ed orgoglio. Siamo qui con grandi meriti". Ancora sui viola e sui suoi ex compagni: "Per ora loro pensano all'impegno di domani, nessuno mi ha ancora scritto degli sms particolari. Uomini da temere? Il primo nome che mi viene in mente è Cuadrado, permette loro il cambio di ritmo, salta l'avversario creando superiorità numerica, è uno dei giocatori più decisivi della serie A. E io alla Nazionale non penso: ho perso 6 mesi a Genova l'anno scorso, mi concentro solo sul presente". Chiamato Parma.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, i 'furbetti' del supermercato: "Chi esce per comprare solo una birra è incosciente"

  • Tragedia in via Bologna: 50enne incinta di sette mesi muore in casa

  • Coronavirus: a Parma sabato e domenica chiusi centri commerciali e supermercati

  • Salsomaggiore: muore il medico termale Ghvont Mrad

  • Coronavirus: il Gruppo Chiesi dona 3 milioni di euro e aumenta del 25% lo stipendio dei lavoratori

  • Coronavirus, Venturi: "Sistema al collasso se a Parma i contagi non diminuiscono"

Torna su
ParmaToday è in caricamento