Faggiano: "Munari continua a far parte della famiglia Parma"

Il direttore sportivo crociato: "Era da un po' che ci pensavo, ho voluto fortemente che Gianni facesse parte della nostra squadra"

Gianni Munari con Daniele Faggiano - foto parmatoday.it

Dal nostro inviato
COLLECCHIO - "E' un annuncio che forse Gianni non avrebbe mai voluto dare, è difficile per un calciatore rinunciare a fare il proprio mestiere". Il direttore sportivo Daniele Faggiano accompagna il suo nuovo dirigente. Da qualche giorno aveva già deciso di iniziare questa nuova avventura, affianca da un po' il direttore sportivo e guarda partite da qualche settimana, tra squadre Primavera e partite dei grandi.

"Da qualche giorno è vicino a me e al mio staff, lavora con la parte tecnica, come osservatore. Non c'è una vera e propria carica, è un gruppo che si sta formando, cresciamo tutti insieme. Non c'è ne un capo, ne una coda, siamo un gruppo, una famiglia che diventa più grande. Era un po' di tempo che ci pensavo - ammette Faggiano - con Gianni c'è un grande rapporto, ho fatto di tutto per portarlo qui, ci ha dato una grossa mano affiché il Parma tornasse dove meritava. Sono un po' emozionato, la rabbia positiva che usa l'ho sentita, facevo finda di niente, cercavamo di stemperare, lui ci pensa ancora, non è semplice, ha vissuto il mondo del calcio con una certa determinazione, ha vinto 8 campionati di Serie B, ha lasciato il segno come uomo e come calciatore. Adesso starà da quest'altra parte, ora vede cose nuove, ci tenevo a presentarlo e da adesso continuerà a fare parte della famiglia Parma".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I ristoratori si ribellano: "Il 15 gennaio apriremo nonostante i divieti"

  • Le regole dopo il 15 gennaio: ecco quando si potrà andare a trovare parenti e amici

  • Via al decreto gennaio, restrizioni fino a marzo: vietato uscire dalla regione, solo in due dagli amici

  • Parma scongiura la zona rossa

  • Parma in zona arancione: il calendario delle regole nel fine settimana

  • Dal 16 gennaio Parma rischia la zona rossa

Torna su
ParmaToday è in caricamento