menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Vigilia di Coppa Italia contro i viola, Crespo: "Come la Champions"

"Per noi è una competizione importantissima, alla quale teniamo in modo particolare - dice l'argentino. Sarebbe un modo per accorciare il cammino e arrivare verso l'Europa League, per mostrare il nostro valore"

Tempo di coppa per il Parma, tempo di reagire. Dopo la sconfitta di Palermo, i ragazzi di Marino sono chiamati a riscattarsi. Già domani avranno la possibilità di farlo contro la Fiorentina, gara valevole per gli ottavi di finale di una Coppa Italia che molte squadre “snobbano - come dice Crespo – ma che per noi è di fondamentale importanza. Vale quanto una Champions League, quindi da qui si può capire quanto ci teniamo.

Può essere un nuovo cammino per noi, ciò che ci permetterebbe di arrivare dritti in Europa League”. Si tratta di uno scenario importante, lo sa bene Crespo, che dall’alto della sua esperienza, dopo la sconfitta di Palermo, predica calma e non si scompone più di tanto. “Cosa è successo nel secondo tempo al Barbera? Niente di strano, è successo che ci siamo deconcentrati un po’, ma questo ci deve servire da lezione.

La prossima volta, quando andremo a Palermo o a Milano (ricordando la sfida contro l’Inter ndr), ci ricorderemo e staremo più attenti. Dopo aver giocato un primo tempo perfetto, abbiamo capito che non è bastato per portarci a casa i punti e che dobbiamo giocare bene per tutta la partita. Bisogna essere furbi, bravi a gestire certe situazioni. Le grandi squadre, dopo il vantaggio, amministrano il possesso palla o roba del genere.

Noi non siamo ancora una grande squadra, proprio per questo la sconfitta di sabato ci servirà per acquisire maggiore esperienza. Mettiamola così: sono amareggiato per quanto è successo sabato, ma fiducioso per il prosieguo”. Diretto come sempre, con il piglio da leader, Crespo si fa porta voce della squadra, pensando positivo, cercando di concentrarsi sull’impegno di domani. “Abbiamo la possibilità di giocare un ottavo di finale in casa.

Se vinciamo, un quarto a febbraio e poi sperare di fare bene. Stiamo giocando da qualche partita un buon calcio, e penso che se continueremo così, le vittorie saranno molte. Giocare ogni tre giorni? Penso che l’importante in questi casi sia mantenere la giusta concentrazione, avere una motivazione per andare avanti”. La Fiorentina è un avversario difficile. “Erano partiti con altri obbiettivi, sarà importante anche per loro”.

Sabato altra gara difficile contro un Bologna in forma, anche se deve fare i conti con la situazione societaria. Reduce dalla sconfitta interna contro il Milan, anche loro vorranno riscattarsi. “Scontro salvezza, si, ma ci penseremo da mercoledì. Siamo con la testa alla Fiorentina”. Sabato però non è solo sfida salvezza, ma è anche un anniversario particolare. Il Tardini compie 97 anni. Che significa per crespo quello stadio? “Ricordi emozionanti.

Dalla presentazione del ’96, a quella di pochi mesi fa, per me vale tanto. Il profumo dell’erba, tutto è particolare. Anche il fatto che a gennaio sia stato riaperto per riaccogliermi, è stato emozionante. Indescrivibile”. Chiusura dedicata a Di Vaio, uno dei tanti ex della partita di sabato. “Un amico, un professionista serio, uno con tanta voglia di fare, di imparare. Ci siamo trovati benissimo insieme, peccato che sia durato solo un anno.

Se vuole ritornare noi siamo felici di accoglierlo. Per la gara di domani è previsto un po’ di turn over. Con Angelo squalificato, ci sarà nei tre d’attacco molto probabilmente Valiani, a meno che Marino, regolarmente in panchina domani sera, voglia schierare Defrel, primavera. Dubbio in difesa tra Paci e Lucarelli, confermato Pisano. Centrocampo con Dzemaili, Morrone e Candreva, con molti primavera in panchina. Punta centrale Bojinov, coadiuvato dall’ex bolognese e da Giovinco.

E' Mazzoleni di  Bergamo l'arbitro chiamato a dirigere il match di Coppa Italia tra Parma e Fiorentina in programma martedì 14 dicembre alle 21 al Tardini.  Assistenti Copelli - Tonolini. IV uomo Gervasoni

PROBABILI FORMAZIONI

PARMA 4-3-3

83Mirante, 2Fletscher, 24Paci, 29Paletta, 26Pisano, 4Morrone, 10Dzemaili, 7Candreva, 80Valiani, 86Bojinov, 21Giovinco.

A disp: 1Pavarini, 5Zaccardo, 51Dellafiore, 22Ze Eduardo, 9Crespo, 11Defrel

All: Marino

FIORENTINA 4-2-3-1

35Avramov, 30Gulan, 53Camporese, 14Natali, 16Felipe, 28Bolatti, 21D’Agostino, 7Santana, 22Ljaicic, 24Cerci, 11Gilardino.

A disp: 12Siculini, 25Comotto, 5Gamberini, 32Marchionni, 8Vargas, 10Mutu, 9Babacar

All: Mihajlovic

Arbitro: Sig. Mazzoleni di Bergamo

Assistenti: Sigg. Copelli - Tonolini

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Parma scongiura la zona rossa

  • Cronaca

    Covid: oltre 160 casi e due morti

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento