Coronavirus: Serie A, ecco la data per ripartire

Sul tavolo svariate ipotesi, anche quella di allungare tutti i contratti (calciatori, sponsorizzazioni e diritti televisivi) al 15 luglio

Una scena di Parma-Spal - foto Ansa

Il futuro della Serie A è al centro dei discorsi della Lega Calcio. In questi giorni in cui c'è sicuramente da giocare e vincere al più presto una partita più importante, i club cercano di fronteggiare l’emergenza Coronavirus organizzandosi attraverso call conference per decidere il da farsi, in attesa che il rischio di diffusione del Covid-19 possa attenuarsi. I club hanno stabilito come termine ultimo per riprendere il campionato la data del 9 maggio. Tante le ipotesi al vaglio, tra queste anche quella di allungare tutti i contratti (calciatori, sponsorizzazioni e diritti televisivi) al 15 luglio tramite una deroga che coinvolga la norma delle regole Noif. Questo quanto è emerso dalla riunione tra club.

Nei prossimi giorni le parti si aggiorneranno nuovamente per tracciare una linea anche in base ai dati della Protezione Civile e delle Istituzioni sulla pandemia Covid-19. Lo stop definitivo al campionato non è stato proposto, quindi resta un'ipotesi remota ma calcolabile nell'eventualità. Gli Europei dovrebbero slittare di un anno, così come chiedere la FIGC.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Borghese porta Parma su Sky: quali saranno i quattro ristoranti in gara?

  • Dal 3 dicembre torna la zona gialla: tutte le regole per il Natale 2020

  • Verso il nuovo Dpcm: ecco cosa riaprirà e cosa no

  • Parma in zona gialla dal 4 dicembre

  • Mascherine, istruzioni per l'uso: mai portarla in tasca o al braccio

  • "Parma potrebbe tornare presto in zona gialla"

Torna su
ParmaToday è in caricamento