Coronavirus, Serie A: taglio stipendi, un piano in arrivo

Il club aspetta di capire le linee guida, intanto la Lega Calcio avvisa: "Entro lunedì un piano"

Il presidente della Lega Serie A Paolo Dal Pino - foto Ansa

"Entro lunedì vi faremo avere il piano collettivo per gli stipendi". E' questo - apprende l'ANSA da fonti vicine al dossier - quello che il presidente e l'ad della Lega Serie A, Paolo Dal Pino e Luigi De Siervo, hanno detto al presidente dell'Aic, Damiano Tommasi in un colloquio in conference call. Il piano prevederebbe una sospensione degli stipendi per i calciatori di Serie A, una misura transitoria per gestire in maniera coordinata e condivisa la situazione in attesa di capire quando si ricomincerà a giocare. 

"Entro lunedì vi faremo avere il piano collettivo per gli stipendi". E' questo - apprende l'ANSA da fonti vicine al dossier - quello che il presidente e l'ad della Lega Serie A, Paolo Dal Pino e Luigi De Siervo, hanno detto al presidente dell'Aic, Damiano Tommasi in un colloquio in conference call. Il piano prevederebbe una sospensione degli stipendi per i calciatori di Serie A, una misura transitoria per gestire in maniera coordinata e condivisa la situazione in attesa di capire quando si ricomincerà a giocare.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Non c’è una posizione netta da parte del Parma rispetto ad altre società, bisogna trovare una soluzione comune. La linea dunque va in questo momento tracciata dalla Lega Serie A, il Parma da sempre collaborativo a iniziative che diano beneficio al sistema calcio si allineerà. La volontà da parte di tutti deve essere quella di capire il momento da parte delle istituzioni; i giocatori e le varie parti in causa sono chiamate a valutare la situazione e venirsi incontro affinché la decisione sia condivisa. Marzo, ad esempio, potrebbe essere un mese che rischia di andare verso una riduzione. La Lega e l’AIC dovranno insomma trovare una linea. Da quello che trapela dal club, non c’è una posizione netta da parte del Parma rispetto ad altre società.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Spostamenti tra regioni il 3 giugno: ecco perché rischiamo la chiusura per altre due settimane

  • Bimbo di 4 anni muore all'Ospedale Maggiore

  • Coronavirus: a Parma 21 nuovi casi e 2 morti

  • Parma fuori dall'incubo: nessun decesso e nessun nuovo caso

  • Morte del piccolo Jacopo, oggi l'autopsia: due persone indagate per omicidio colposo

  • Pizzarotti annuncia: "Giochi per bambini vietati, nei circoli anziani non si può giocare a carte"

Torna su
ParmaToday è in caricamento