menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Roberto D'Aversa - foto D. Fornari

Roberto D'Aversa - foto D. Fornari

DAGLI SPOGLIATOI | D'Aversa, Evacuo e Miglietta: le dichiarazioni

Il tecnico: "Preoccupato dall'atteggiamento del secondo tempo. Abiamo smesso di giocare". Il bomber: "Non siamo pronti per vincere". Il centrocampista: "Non vogliamo mollare"

Dal nostro inviato

PARMA - Ecco le dichiarazioni post partita dell'allenatore Roberto D'Aversa, dell'attaccante Felice Evacuo e del centrocampista Criss Miglietta. 

D'AVERSA - "Nel primo tempo la squadra ha tentato di far girare la palla, ma a volte siamo stati troppo frenetici. Quando la squadra avversaria è ben schierata, bisogna cercare di fare qualche giro palla in più. Abbiamo fatto fatica a trovare campo dall’altra parte. Nella prima frazione, però, ci abbiamo provato. Nella ripresa, quando ci sono state delle difficoltà,  i ragazzi non hanno nemmeno provato a fare un giro palla. Questo aspetto è da migliorare. Sotto l’aspetto dell’impegno, non posso dire nulla, ma dobbiamo migliorare nella volontà di provare a giocare. Nel secondo tempo ci siamo adagiati, abbiamo smesso di provare a fare quanto stavamo facendo prima. Nel primo tempo siamo rimasti compatti, nel secondo un po’ meno. E’ chiaro che bisogna lavorare. Non mi preoccupa migliorare il gioco. Mi preoccupa maggiormente l’atteggiamento. Per tutto il resto, le cose si possano sistemare con il lavoro. Dobbiamo avere la forza e la volontà di esprimere il nostro gioco. Il Tardini è uno stadio importante, però il calcio è un gioco bellissimo, in cui non bisogna aver paura di nulla e bisogna essere sereni. Per quanto riguarda l’aspetto fisico, c’è bisogno di svolgere test, ma avevamo tre partite ravvicinate e non è stato possibile effettuarli. L’aspetto mentale è importante, va migliorato. A Bolzano, dopo il vantaggio, abbiamo giocato con maggiore serenità. Capisco le esigenze della piazza, ma noi non dobbiamo farci influenzare. Sistemeremo tutto. In questa settimana cercheremo di recuperare i ragazzi che possono recuperare, considerando anche che Canini salterà il derby per squalifica. Finalmente avremo una settimana piena di lavoro, ma i carichi non potranno essere eccessivi perchè veniamo da tre gare in sette giorni. Siamo consapevoli che affronteremo una squadra forte, la Reggiana, ma anche che si tratta di una partita molto importante. La affronteremo nel migliore dei modi. Difficilmente Saporetti potrà esserci la prossima settimana. Per quanto riguarda Nocciolini, saranno i medici a fare le loro valutazioni”.

EVACUO - "Nelle ultime settimane abbiamo palesato difficoltà sotto tutti i punti di vista. In questo momento l’unica cosa che possiamo migliorare è lavorare per cercare di produrre più gioco. Il nuovo allenatore è qui soltanto da una settimana. Seguiremo le sue indicazioni. E’ evidente che stiamo vivendo un momento di difficoltà. E’ palese che la squadra, ora, non è pronta per vincere il campionato. Parma è una piazza che giustamente pretende il massimo e noi dobbiamo dare il massimo. In questo momento forse lo stiamo facendo. Migliorandoci con il lavoro, a gennaio potremo ripartire con un altro spirito. Ora il peso del primo posto non l’abbiamo neppure addosso, perchè è talmente lontano che è inutile pensare di arrivare primi. Il nuovo mister ha portato una ventata d’aria nuova rispetto al periodo precedente. Sicuramente il cambio di allenatore è stata una sconfitta per tutti quanti, ma rimette in gioco tutti i giocatori che, fino a ora, avevano giocato meno. Adesso è importante fare più punti possibili, perchè poi ci sarà il tempo di lavorare durante la sosta. Il derby è una partita che si carica da sola, è importantissima”.

MIGLIETTA -  "Il primo tempo è stato ben giocato, creando qualche occasione da gol e altre potenziali, in cui ci è mancato l’ultimo passaggio. Il secondo è stato decisamente peggiore sotto il profilo del gioco e anche sotto l’aspetto atletico. Stiamo provando a mettere in pratica le idee del mister. Speriamo di migliorare in futuro. La condizione fisica è determinante, perché più si corre e più si ha la possibilità di avere la palla e di andare al tiro. Per quanto riguarda l’aspetto mentale, dobbiamo essere meno frenetici e avere più serenità nelle giocate perché troppo spesso, sbagliando la giocata, consegniamo la palla agli avversari. Quando si ha continuità nel giocare è meglio, perchè si ha più confidenza con la posizione e con il campo. C’è un allenatore che decide. Io dò il mio contributo quando vengo chiamato in causa. Il tempo per recuperare c’è ancora, ma bisogna cominciare a pedalare altrimenti diventa difficile recuperare. I campionati si vincono nel girone di ritorno, da marzo in poi, ma ora dobbiamo cominciare a fare più punti possibile. Poi, dalla ripresa di gennaio si deve fare un filotto, perché quando sei dietro non puoi più sbagliare. La prima settimana con mister D’Aversa è andata molto bene. Il nuovo allenatore ha portato le sue tesi. Vogliamo seguirlo per far bene”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Fidenza Village: aperta una cantina con cucina Signorvino

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Coronavirus, a Parma 176 casi e un decesso

  • Cronaca

    Ritrovato il corpo di Andrea Diobelli

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento