menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Riccardo Gagliolo - foto

Riccardo Gagliolo - foto

Gagliolo: "Ho perso mia madre e a causa del virus non sono andato a salutarla"

Il difensore in un'intervista al portale aftonbladet.se si racconta: "Adesso parlo con mio nonno, gli dico di non uscire. Voglio rimanere a lungo a Parma"

E' uno dei protagonisti di questa stagione arrivata a un bivio. Per farsi trovare pronto per un'eventuale ripresa, Riccardo Gagliolo continua a lavorare duro, come sempre. Il pensiero è fisso alla madre, la signora Eva che non c'è più, ammalata da tempo. "Per colpa del virus - dice il difensore a aftonbladet.se - non sono andato a salutarla. Mia madre e i miei parenti svedesi sono stati i più felici al mondo quando sono stato convocato in Nazionale e ho debuttato con la maglia della Svezia. È grazie a mia madre che sono diventao  la persona che sono oggi. Era sempre al mio fianco. A causa delle restrizioni non ho potuto salutarla, il Parma mi è stato vicino e ha condiviso il mio dolore. Ora resto in contatto con il nonno, per sentire come si sente, per sapere come si vive in Svezia e per dirgli di rimanere a casa". A casa intanto c'è anche Gagliolo, a Parma, in compagnia della sua fidanzata. "Devo dire che è abbastanza noioso vivere sempre a casa. Passo il tempo allenandomi e guardando molti film e serie tv. Esco con il mio cane e faccio la spesa una volta alla settimana. Ho comprato degli attrezzi ginnici e una cyclette per mantenermi in forma. Parlo spesso con Albin Ekdal durante questo periodo per sapere come st,  perché ha contratto il coronavirus. E ovviamente mi sento molto con Kulusevski. Ricominciare a giocare? La salute deve venire prima di tutto. Il mondo intero deve adattarsi a nuove abitudini per lungo tempo mentre gradualmente si torna a qualche concessione. Se riparte il campionato dovremmo riprendere da dove avevamo interrotto, migliorando partita per partita e provando ad alzare il livello. Rispettiamo tutte le squadre, ma non temiamo nessuno. Siamo vicini al raggiungimento del nostro obiettivo principale che è la salvezza, dopo vedremo cosa succede. Se resto a Parma? Mi piace molto Parma. Spero di poter continuare ad aiutare il club a crescere e raggiungere nuovi successi".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Zone rosse e arancioni per altri due mesi: Parma a rischio

Attualità

E' morto Rocco Caccavari: il ricordo di Lenz Fondazione

Attualità

Crisi di Governo, Pizzarotti: "Serve stabilità: ecco la mia ricetta"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento